• Mondo
  • domenica 2 settembre 2018

I morti negli scontri a Tripoli degli scorsi giorni sono almeno 39

Almeno 39 persone, tra cui  diversi civili, sono morte a Tripoli negli scontri tra milizie rivali iniziati lo scorso 27 agosto. Da una parte ci sono le milizie locali che sostengono il cosiddetto governo di unità nazionale che ha sede a Tripoli, frutto degli accordi raggiunti con l’aiuto dell’ONU tra numerosi politici e leader delle milizie che controllano diverse aree del paese e riconosciuto dalla comunità internazionale. Dall’altra parte ci sono alcune milizie che lunedì sono arrivate da una città a sud di Tripoli. Il numero dei morti è stato diffuso dal ministero della salute del governo di unità nazionale; decine di altre persone sono state ferite. Secondo l’organizzazione no profit Human Rights Watch, almeno 18 delle persone morte erano civili e 4 erano bambini. A causa degli scontri l’aeroporto della città è stato chiuso sia venerdì che sabato e centinaia di migranti presenti nei centri di detenzione locali sono stati spostati altrove.

Alcuni danni prodotti da un colpo di mortaio a Tripoli, in Libia, il 30 agosto 2018 (MAHMUD TURKIA/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.