• Mondo
  • domenica 2 settembre 2018

Almeno tre persone sono morte in una grossa esplosione causata da un’autobomba a Mogadiscio, in Somalia

A Mogadiscio, la capitale della Somalia, c’è stata una grossa esplosione causata da un’autobomba: l’obiettivo dell’attacco era un ufficio governativo nel quartiere di Howlwadag e l’esplosione ha provocato il crollo di una scuola e del tetto di una moschea. Secondo le informazioni raccolte da BBC almeno tre persone – tre soldati – sono morte e 14, tra cui sei bambini, sono state ferite. L’attacco è stato rivendicato dal gruppo islamista al Shabab. Il funzionario locale Salah Hassan Omar ha detto che i tre soldati sono morti per aver fermato il veicolo che stava cercando di entrare nel quartiere degli edifici governativi.

Al Shabaab, che in arabo significa “la gioventù”, si è sviluppato dall’Unione delle Corti Islamiche, una rete di gruppi islamici che all’inizio del 2006 prese il controllo di Mogadiscio. Dal 2007 al 2011 arrivò a controllare Mogadiscio e diverse città della Somalia, dopodiché fu allontanato dalle aree urbane, ma controlla ancora molte zone rurali. Nel 2017 e quest’anno ha compiuto già molti attacchi terroristici a Mogadiscio. In quello del 14 ottobre 2017 morirono almeno 500 persone.

Un soldato somalo nell'area di Mogadiscio colpita dall'esplosione di un'autobomba, il 2 settembre 2018 (AP Photo/Farah Abdi Warsameh)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.