• Mondo
  • sabato 24 febbraio 2018

Almeno 45 persone sono morte per l’esplosione di due autobombe a Mogadiscio, in Somalia

Almeno 45 persone sono morte, e altre decine sono state ferite, in due esplosioni a Mogadiscio: la prima è stata vicino al palazzo presidenziale, la seconda vicino agli uffici dell’agenzia somala di intelligence. Il gruppo islamista terrorista al Shabaab ha rivendicato i due attacchi, compiuti con due autobombe. Fonti tra i funzionari locali hanno detto che tra i morti ci sono anche cinque attentatori.

Al Shabaab, che in arabo significa “la gioventù”, si è sviluppato dall’Unione delle Corti Islamiche, una rete di gruppi islamici che all’inizio del 2006 prese il controllo di Mogadiscio. È un gruppo estremista che raggiunse la sua massima espansione qualche anno fa, ma che negli ultimi mesi ha intensificato molto i suoi attacchi nel centro-sud del paese. Dal 2007 al 2011 arrivò a controllare Mogadiscio e diverse città della Somalia. Nel 2014 aveva subito diverse sconfitte dopo una più intensa offensiva militare delle forze dell’Unione Africana, e sembrava che la sua minaccia si fosse ridotta. Negli ultimi mesi si è però rafforzato, come dimostra il grave attentato dell’ottobre 2017.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.