• Mondo
  • domenica 26 agosto 2018

Due persone sono state uccise a un torneo di videogiochi a Jacksonville, Florida

Una terza, lo sparatore, si è suicidata: ci sono anche diversi feriti, la diretta streaming ha trasmesso gli spari

Domenica 26 agosto, intorno alle 13.30, c’è stata sparatoria a Jacksonville, Florida, durante un torneo pubblico di Madden NFL, un videogioco dedicato al football americano. L’ufficio dello sceriffo Mike Williams ha detto che ci sono stati tre morti, fra cui lo sparatore, e undici feriti di cui nove per colpi di arma da fuoco: alcuni dei feriti si trovano ancora ricoverati in ospedale e uno di loro è stato colpito al petto da un proiettile. Non sarebbe comunque in pericolo di vita. In totale sono stati sparati dodici colpi.

L’uomo sospettato di aver sparato e che poi si è suicidato è stato identificato: si chiamava David Katz, aveva 24 anni, era di Baltimora e sembra che si trovasse a Jacksonville per il torneo. In passato aveva vinto altri tornei simili, l’ultimo lo scorso anno. La polizia ha però spiegato che è ancora troppo presto per capire quali siano state le sue motivazioni. Il momento degli spari è stato registrato dalla diretta streaming del torneo.

Il torneo si stava tenendo in uno spazio dedicato ai videogiochi adiacente al ristorante “Chicago Pizza” nel Jacksonville Landing, un complesso di ristoranti, negozi, locali e spazi pubblici sulla riva del fiume St. Johns. Nelle ore successive alla sparatoria, la polizia ha bloccato la zona chiedendo alle persone di non muoversi da dove si erano rifugiate o nascoste.

La società che produce il videogioco Madden, Electronic Arts, ha twittato “una situazione orribile”. Dopo la sparatoria e le prima chiamate al numero di emergenza, il 911, gli agenti sono arrivati sul posto in due minuti.

Il governatore della Florida Rick Scott ha commentato il fatto dicendo ai giornalisti che bisogna cambiare le cose: «Dobbiamo davvero fermarci e dirci: c’è qualcosa che non va. Perché dei giovani uomini sono disposti a rinunciare alla propria vita, o perché non tengono in considerazione la vita di qualcun altro?. Dobbiamo capirlo». Nel 2018 in Florida si sono verificate quattro sparatorie all’interno delle scuole, l’ultima lo scorso febbraio quando erano state uccise 17 persone a Parkland. Altre cinque persone erano state uccise all’aeroporto di Fort Lauderdale l’anno scorso; e 49 erano morte sempre a causa di una sparatoria nel famoso locale gay Pulse di Orlando nel 2016.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.