• Italia
  • venerdì 24 agosto 2018

Dall’inizio del caso Diciotti sono sbarcati in Italia più di 250 migranti

Sono arrivati a bordo di piccole imbarcazioni o velieri, sulle coste pugliesi o calabresi, senza che diventasse un caso

Uno sbarco migranti a Crotone fotografato l'1 agosto (ANSA)

Secondo i dati ufficiali diffusi dal ministero dell’Interno, dall’inizio del caso che riguarda la nave militare Diciotti sono sbarcati in Italia altri 277 migranti, perlopiù a bordo di piccole imbarcazioni. È un numero inferiore a quelli delle estati scorse – nel 2017 sbarcarono nello stesso periodo quasi 800 migranti – ma superiore ai 177 migranti soccorsi dalla Diciotti, che il governo Conte ha trasformato in un caso nazionale (e internazionale) con la decisione del ministro Matteo Salvini di non farli sbarcare, sebbene si trovino in Italia dal momento in cui hanno messo piede sulla nave militare e abbiano il diritto costituzionale di chiedere asilo.

Il 16 agosto, per esempio, due barche di piccole dimensioni sono state intercettate dalla Guardia di Finanza al largo di Santa Maria di Leuca, in Puglia: avevano a bordo in tutto 24 persone fra iraniani, pakistani e curdi. Una settimana dopo, sempre a Santa Maria di Leuca, la Guardia costiera ha trovato una barca a vela con 34 persone a bordo, di nazionalità iraniana e irachena. Lo sbarco più ingente in questo periodo è avvenuto a Crotone, in Calabria, dove il 21 agosto una barca a vela si è incagliata sugli scogli con 56 persone a bordo, quasi tutte pakistane: sono state soccorse grazie a una lunga operazione della Guardia costiera.

Si stima che negli ultimi anni siano progressivamente aumentati gli sbarchi di migranti che arrivano a bordo di piccole imbarcazioni, a volte barche a vela. L’anno scorso il procuratore capo di Siracusa, Francesco Paolo Giordano, aveva raccontato a Repubblica che il nuovo flusso – soprattutto quello diretto in Sicilia – riguarda «persone del ceto medio, della borghesia siriana, e di altre nazionalità vicine», disposte a spendere più delle poche centinaia di dollari che servono per un viaggio in gommone dalla Libia. La maggior parte di loro ha soldi e conoscenze sufficienti per dirigersi verso la tappa finale del tragitto, probabilmente i paesi del nord Europa.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.