• Mondo
  • martedì 21 agosto 2018

Gli Stati Uniti hanno espulso l’ex guardia nazista Jakiw Palij

Gli Stati Uniti hanno espulso verso la Germania il 95enne Jakiw Palij, ex guardia di un campo di concentramento nazista. Jakiw Palij viveva a New York e la sua espulsione era stata decisa 14 anni fa da un giudice statunitense: il provvedimento non era però stato attuato perché nessun paese si era offerto di accoglierlo. È accusato di avere compiuto violenze contro gli ebrei al campo di concentramento nazista di Trawniki, in Polonia, e alla fine della guerra era scappato negli Stati Uniti sostenendo di essere un agricoltore. Non è chiaro se verrà sottoposto a processo in Germania, la cui magistratura aveva sostenuto in passato che non ci fossero prove sufficienti per un’incriminazione formale.

Una protesta contro la presenza di Jakiw Palij a New York (AP Photo/Kathy Willens)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.