• Sport
  • venerdì 17 agosto 2018

La serie TV che racconta i segreti del Manchester City

Otto episodi su Prime Video raccontano la squadra più forte d'Inghilterra con riprese inedite di allenamenti, discussioni nello spogliatoio e partite

Josep Guardiola, allenatore del Manchester City, prima della partita di Premier League contro il Burnley (Ian MacNicol/Getty Images)

È uscita oggi su Prime Video – il servizio streaming on demand di Amazon – la serie televisiva che racconta l’ultima stagione sportiva del Manchester City, la squadra di calcio più forte d’Inghilterra, nell’anno in cui ha vinto la Premier League allenata dallo spagnolo Pep Guardiola. La serie è attesa da tempo perché fa parte del format All or Nothing usato con successo nelle precedenti serie prodotte da Warner Bros. e dedicate agli All Blacks, la nazionale di rugby neozelandese, e poi ad alcune squadre di football americano della NFL. Le serie All or Nothing rappresentano una sorta di genere a sé per i documentari sportivi, perché nessuno prima d’ora aveva avuto un accesso così ampio e completo per seguire da vicino intere stagioni, fra allenamenti, ritiri, partite e riunioni, delle migliori squadre del mondo.

All or Nothing: Manchester City ha avuto inoltre la fortuna di seguire il Manchester City nella sua miglior stagione di sempre, conclusa con un quarto di finale di Champions League e una vittoria da record in Premier League. Nel secondo anno in Inghilterra dell’allenatore Pep Guardiola, già considerato uno dei migliori nella storia del calcio per il suo periodo alla guida Barcellona – con cui vinse tutto, più di una volta – il City ha infatti vinto la Premier League con cinque giornate di anticipo grazie a un vantaggio di 16 punti che lo divideva dai rivali del Manchester United già ad aprile. La squadra era stata in testa al campionato fin dall’inizio ed era arrivata presto ad avere un tale vantaggio da tutte le altre squadre da rendere quasi scontata la sua vittoria finale. Il City ha sempre giocato un ottimo calcio seguendo lo stile per cui è famoso Guardiola, costituito da un gioco articolato espresso con un movimento palla continuo e veloce e da una gestione degli spazi e delle posizioni in campo estremamente dettagliate.

Negli otto episodi della serie, oltre alle partite e alle riprese di allenamenti e riunioni tecniche, viene dato spazio ai giocatori, con interviste e filmati in cui vengono ripresi anche nella loro vita privata. Il protagonista tuttavia è per forza di cose Guardiola, un allenatore vincente ma dai modi spesso bruschi, irruenti e maniacali che è inoltre solito avere dei rapporti complicati con i propri giocatori. Nella serie vengono ripresi momenti di forte tensione con la squadra dopo le poche sconfitte stagionali, ma anche i festeggiamenti di fine stagione. Gli episodi della serie durano dai 40 ai 50 minuti e sono narrati dal regista e attore inglese Ben Kingsley.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.