• Mondo
  • martedì 14 agosto 2018

La Turchia boicotterà i prodotti elettronici fabbricati negli Stati Uniti

Il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan ha annunciato che la Turchia inizierà a boicottare i prodotti elettronici fabbricati negli Stati Uniti, come ritorsione per la decisione dell’amministrazione Trump di raddoppiare i dazi sull’acciaio e sull’alluminio provenienti dalla Turchia. L’annuncio di Erdoğan è arrivato dopo quattro giorni di profonda crisi per la lira turca, che nei primi scambi di lunedì mattina aveva perso il 9 per cento del suo valore. Durante un discorso tenuto ad Ankara, Erdoğan ha detto: «La Turchia ha uno dei sistemi bancari più solidi del mondo, sotto tutti gli aspetti. Possiamo fare due cose: una nell’economica, e l’altra nella politica. Dobbiamo adottare misure di cui ha bisogno l’economia e continuare a farlo… La cosa più importante, io credo, è quella di mantenere forte la nostra posizione politica».

L’episodio che aveva dato inizio alla crisi tra Turchia e Stati Uniti era stata la decisione di un tribunale turco di estendere la detenzione di Andrew Brunson, un pastore statunitense accusato di spionaggio per conto dei curdi. La lira turca è invece in crisi da diversi mesi.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan (OZAN KOSE/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.