• Mondo
  • giovedì 9 agosto 2018

Il Tribunale supremo del Venezuela ha ordinato l’arresto di un deputato di opposizione per il presunto attentato contro Maduro

Il Tribunale supremo del Venezuela ha ordinato l’arresto di Julio Borges, deputato di opposizione ed ex presidente del Parlamento, con l’accusa di avere tentato di uccidere il presidente venezuelano Nicolás Maduro. Secondo il Tribunale, considerato vicino al regime di Maduro, Borges avrebbe partecipato in qualche maniera al presunto attentato compiuto contro Maduro sabato scorso a Caracas, durante un evento pubblico. Poche ore dopo, l’Assemblea nazionale costituente, l’organo voluto da Maduro che ha di fatto preso il posto del Parlamento controllato dalle opposizioni, ha approvato all’unanimità la rimozione dell’immunità parlamentare per Borges e per il deputato Juan Requesens, entrambi esponenti del partito Primera de Justicia.

Julio Borges (AP Photo/Fernando Vergara)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.