• Mondo
  • giovedì 26 luglio 2018

Dopo 17 anni è stato identificato un uomo morto nell’attentato dell’11 settembre

I resti di un uomo morto durante l’attentato dell’11 settembre 2001 al World Trade Center di New York sono stati identificati dopo diciassette anni grazie a un nuovo tipo di test del DNA. L’uomo aveva 26 anni, si chiamava Scott Michael Johnson ed era un analista finanziario che lavorava per una banca d’investimento: è diventato la 1.642esima persona identificata formalmente, delle 2.753 persone che sono morte nell’attacco terroristico.

Quella di Scott Michael Johnson è la prima identificazione dall’agosto del 2017, anno in cui venne identificata solo un’altra persona e in cui venne introdotto un nuovo tipo di test del DNA che prevede la polverizzazione dei frammenti ossei a disposizione (ne sono stati recuperati 19.915), la successiva estrazione del DNA e poi il confronto con il DNA delle persone morte e dei loro parenti.

(AP Photo/Marty Lederhandler, File)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.