La Corte europea dei diritti dell’uomo ha condannato la Russia per i casi delle Pussy Riot e di Anna Politkovskaya

La Corte europea dei diritti dell’uomo ha condannato la Russia per due casi di cui si è parlato molto negli ultimi anni: l’arresto e la condanna nel 2012 di alcuni membri del collettivo femminista Pussy Riot, e le indagini sull’omicidio della giornalista russa Anna Politkovskaya.

Nel primo caso, ha detto la Corte, le autorità russe sono state condannate per non avere garantito i diritti di tre Pussy Riot che avevano appena suonato una canzone di protesta nella cattedrale di Mosca: le tre, tra le altre cose, poi incarcerate per 16 mesi, avevano subìto limitazioni alla loro libertà di espressione e durante il processo erano state esposte in maniera umiliante in una cella con un vetro davanti. Nel secondo caso, la Corte ha detto che la Russia non ha «preso misure investigative adeguate» per scoprire chi commissionò l’omicidio di Politkovskaya, nel 2006: otto anni dopo cinque uomini furono condannati, ma non fu mai trovato il mandante (e lo stesso governo russo è ampiamente sospettato di essere stato quel mandante). Difficilmente, comunque, le sentenze della Corte avranno delle conseguenze: nel 2015 la Russia ha approvato una legge per ignorare le sentenze del tribunale europeo.

Una donna posa dei fiori vicino a un'immagine della giornalista russa Anna Politkovskaya, a Mosca (AP Photo/Pavel Golovkin, File)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.