• Mondo
  • lunedì 9 luglio 2018

Gli Stati Uniti hanno fatto i prepotenti in materia di allattamento

Secondo il New York Times, all'ultima grande assemblea dell'OMS si sono comportati in modo ricattatorio per difendere gli interessi delle multinazionali del latte in polvere

L'assemblea mondiale della sanità, a Ginevra, il 21 maggio 2018 (Peter Klaunzer/Keystone via AP)

A maggio, durante l’ultima assemblea mondiale della sanità, un annuale incontro dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) a cui partecipano rappresentanti di 193 governi, la delegazione degli Stati Uniti ha contestato molto e inaspettatamente una risoluzione per promuovere l’allattamento al seno nel mondo. Secondo una ricostruzione del New York Times pubblicata il 9 luglio, basata su quanto hanno raccontato diversi testimoni, l’amministrazione di Donald Trump si è opposta alla risoluzione usando un atteggiamento ricattatorio nei confronti di alcuni dei paesi che la sostenevano, e lo ha fatto per favorire le aziende multinazionali che producono latte in polvere e altri alimenti per i bambini piccoli.

La risoluzione sull’allattamento, basata su numerose ricerche secondo cui il latte materno è più salutare per i neonati rispetto a quello in polvere, era stata pensata soprattutto per salvaguardare la salute dei bambini in quei paesi dove l’acqua può contenere sostanze nocive (visto che il latte in polvere va diluito in acqua). Uno studio pubblicato nel 2016 su Lancet, la più autorevole rivista scientifica in campo medico, ha stimato per questo che l’allattamento al seno potrebbe evitare la morte di 800mila bambini ogni anno. Dato che è un tema su cui c’è un sostanziale accordo in tutto il mondo e nel campo scientifico, i partecipanti all’assemblea pensavano che la risoluzione sarebbe stata approvata velocemente e senza problemi.

La delegazione statunitense si era opposta, però, chiedendo che dal testo della risoluzione venissero rimossi due passaggi: uno invitava i governi a «proteggere, promuovere e sostenere l’allattamento al seno», l’altro a ridurre la promozione di prodotti alimentari che secondo molti esperti hanno effetti dannosi sui bambini piccoli. Secondo il New York Times, che ha intervistato diplomatici e funzionari governativi in modo anonimo, quando gli altri paesi si erano rifiutati di fare queste modifiche, gli Stati Uniti avevano iniziato a ricattarli. In particolare è successo con l’Ecuador, il paese che aveva proposto la risoluzione sull’allattamento.

Ai rappresentanti ecuadoriani era stato detto che se non avessero lasciato perdere la risoluzione, gli Stati Uniti avrebbero introdotto restrizioni agli scambi commerciali e smesso di fornire assistenza militare per gestire la situazione nel nord del paese: è una regione con un alto tasso di violenza a causa della criminalità organizzata che si occupa di traffico di droga lungo il confine con la Colombia. A quel punto il governo ecuadoriano aveva accettato di lasciar perdere la risoluzione. Più di dodici rappresentanti di altri paesi hanno raccontato al New York Times cose simili, chiedendo di farlo in completo anonimato per non subire ripercussioni da parte degli Stati Uniti. Secondo alcune fonti, i delegati americani avrebbero addirittura detto che gli Stati Uniti avrebbero potuto tagliare i propri fondi all’OMS: gli Stati Uniti sono il paese che contribuisce di più ai bilanci dell’organizzazione, e l’anno scorso hanno finanziato quasi il 15 per cento del suo budget.

Un portavoce del dipartimento della salute e dei servizi alla persona degli Stati Uniti, l’agenzia governativa che ha cercato di modificare la risoluzione, ha detto al New York Times che l’Ecuador non è stato minacciato. Parlando a sua volta in modo anonimo, ha spiegato l’opposizione alla risoluzione dicendo che le frasi contestate avevano lo scopo di difendere le donne che per diverse ragioni non possono allattare o scelgono di non farlo: «Devono poter scegliere e avere accesso ad alternative per prendersi cura della salute dei propri bambini, e non essere discriminate per il modo in cui possono farlo». La posizione dell’amministrazione Trump è diversa da quella dell’amministrazione di Barack Obama, che aveva ampiamente sostenuto le politiche in favore dell’allattamento dell’OMS.

Sempre durante l’assemblea mondiale della sanità, gli Stati Uniti avevano fatto rimuovere da un documento sul contrasto all’obesità una frase a favore dell’introduzione di tasse sulle bevande gassate. Avevano cercato anche, senza successo, di contrastare un’iniziativa dell’OMS per aiutare i paesi più poveri a ottenere medicinali salvavita modificando le leggi sui brevetti dei farmaci.

Se alla fine la risoluzione sull’allattamento è passata, e senza grosse modifiche rispetto alla versione originale, è stato grazie alla Russia, che al contrario degli altri paesi non ha subito minacce di alcun tipo. Un delegato russo ha parlato con il New York Times – a sua volta anonimamente, dato che non aveva il permesso di parlare con la stampa – e ha detto: «Non volevamo fare gli eroi, ma sentivamo che fosse sbagliato che un grande paese maltrattasse dei paesi molto piccoli, specialmente riguardo a una questione importante per il resto del mondo». Gli Stati Uniti avevano ottenuto comunque che fosse cancellato il passaggio che invitava l’OMS a fornire ai paesi membri supporto tecnico per fermare «campagne di promozione sul cibo per neonati e bambini piccoli inappropriate».

Ilona Kickbusch, direttrice del Global Health Centre del Graduate Institute of International and Development Studies di Ginevra, ha commentato tutta la faccenda dicendo: «Ora siamo tutti preoccupati, perché se non si può essere tutti d’accordo sulle questioni sanitarie, su che tipo di questioni si può esserlo?». Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, è intervenuto sulla questione con un tweet sostenendo – ma è una completa bugia – che gli Stati Uniti volessero solo evitare che venisse proibito l’accesso al latte in polvere.

Mostra commenti ( )