• Mondo
  • giovedì 21 giugno 2018

La moglie del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu è stata accusata di aver speso dei soldi pubblici in modo scorretto

Sara Netanyahu, la moglie del primo ministro di Israele Benjamin Netanyahu, è stata accusata di aver speso dei soldi pubblici in modo scorretto. Secondo la procura di Gerusalemme tra il settembre del 2010 e il marzo del 2013 avrebbe usato 359mila shekel israeliani (l’equivalente di più di 85mila euro) per acquistare pasti a domicilio alla residenza del primo ministro e pagare cuochi privati. Non avrebbe potuto farlo perché nella residenza lavorava un cuoco pagato con soldi pubblici ed entrambe le spese non sono ammesse dalle regole sulle spese della residenza del capo di governo. Ezra Seidoff, un ex collaboratore di Benjamin Netanyahu, è stato accusato insieme a lei, che nega di aver compiuto un reato: i suoi avvocati dicono che a ordinare i pasti a domicilio non era stata Netanyahu, ma la persona che si occupava di gestire la residenza. Secondo Benjamin Netanyahu la moglie è stata accusata per ragioni politiche.

La moglie del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, Sara Netanyahu, il 6 giugno 2018 (AP Photo/Francois Mori)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.