• Mondo
  • mercoledì 13 giugno 2018

L’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche ha detto che nel marzo 2017 in Siria ci furono molto probabilmente due attacchi chimici con sarin e cloro

Secondo le analisi di laboratorio dell’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW), il 24 e il 25 marzo 2017 in Siria ci furono due attacchi con armi chimiche. Nel primo attacco, avvenuto a sud di al Lataminah, nel nord-ovest della Siria, è molto probabile che fu usato il sarin, secondo l’OPCW; nel secondo, che colpì l’ospedale di al Lataminah e la zona circostante, il cloro. Sia ora che all’epoca al Lataminah era controllata dai ribelli.

L’OPCW è giunta a queste conclusioni dopo aver parlato con alcuni testimoni degli attacchi, aver fatto delle analisi epidemiologiche su di essi e aver raccolto campioni ambientali dalle aree colpite. Per fare tutte queste cose c’è voluto molto tempo, spiega il comunicato dell’organizzazione, che non ha tratto conclusioni sugli autori degli attacchi chimici dato che non era uno degli obiettivi delle sue analisi.

La posizione di al Lataminah, in Siria

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.