• Mondo
  • sabato 9 Giugno 2018

Lo storico capo di Pixar John Lasseter lascerà l’azienda definitivamente

Per via delle accuse di comportamenti inappropriati emerse a novembre, sulle quali Disney ha condotto un'indagine

John Lasseter, storico capo di Pixar e dei Disney Animation Studios, che a fine novembre si era preso una pausa di sei mesi dal lavoro nell’azienda per via di alcuni comportamenti inappropriati tenuti con alcune dipendenti, lascerà definitivamente il suo lavoro. Venerdì Disney ha annunciato che fino alla fine dell’anno Lasseter svolgerà delle consulenze per Pixar, ma poi non lavorerà più per l’azienda: nel frattempo non avrà un ruolo ufficiale. Non si sa ancora chi lo sostituirà.

Lasseter ha 61 anni ed è la persona principale dietro ai successi della Pixar, che co-fondò negli anni Ottanta. È stato regista di Toy StoryA Bug’s LifeToy Story 2Cars e Cars 2 e ha vinto due premi Oscar. Le accuse nei suoi confronti erano state raccolte in forma anonima dall’Hollywood Reporter e in sostanza sostenevano che Lasseter era noto per «palpare, baciare e fare commenti sull’aspetto fisico» e che questi comportamenti si accentuavano quando Lasseter beveva molto, ad esempio alle feste aziendali. Anche prima delle accuse per comportamenti inappropriati, Lasseter era noto per salutare le persone, compresi i dipendenti, con lunghi abbracci: nel 2011 il Wall Street Journal pubblicò una photogallery che ne mostrava una serie e scrisse che Lasseter abbracciava fino a 48 persone in un solo giorno.

Secondo quanto scoperto dal New York Times, nei mesi in cui Lasseter non ha lavorato Disney ha svolto alcune indagini su di lui facendo delle domande ai dipendenti di Pixar da cui è emerso che nell’ultimo periodo i comportamenti sgradevoli di Lasseter si erano accentuati, così come il suo atteggiamento di controllo nei confronti delle persone che lavorano a Pixar.

John Lasseter nel 2014 (Kevin Winter/Getty Images)