• Italia
  • mercoledì 6 giugno 2018

Il Comune di Milano vuole regolarizzare quattro moschee

Ha presentato un piano che verrà votato nei prossimi mesi in Consiglio comunale: l'opposizione ha già annunciato che farà ostruzionismo

(ANSA/DANIELE MASCOLO)

Il Comune di Milano ha presentato a inizio giugno un progetto per regolarizzare quattro delle moschee “informali” che si trovano in città, e per aprirne un massimo di altre tre. Il progetto si chiama Piano per le Attrezzature Religiose (PAR) ed è stato elaborato dopo che nel 2015 la Regione aveva approvato una legge sui luoghi di culto studiata appositamente per ostacolare i negoziati fra la comunità islamica milanese e la giunta comunale guidata allora da Giuliano Pisapia, e impedire che venisse costruita una imponente moschea nell’area dell’ex Palasharp. Al momento Milano non ha alcuna moschea ufficiale nel suo territorio.

La legge regionale del 2015 – approvata dalla giunta di centrodestra e confermata nel suo impianto da una sentenza della Corte Costituzionale – imponeva che prima di concedere autorizzazioni a costruire nuovi luoghi di culto, il Comune elaborasse un documento aggiuntivo al Piano di governo di territorio (PGT) per censire gli edifici religiosi esistenti e individuare gli spazi dove costruirne di nuovi. La legge poi stabiliva dei paletti molto rigidi per regolarizzare gli edifici esistenti e costruirne di nuovi, come ad esempio la disponibilità di parcheggi molto ampi e l’obbligo di installare impianti di video-sorveglianza.

Nelle nuove trattative avviate dalla giunta di Giuseppe Sala, il Comune ha fatto sapere di avere esaminato 61 richieste provenienti da vari enti religiosi. Quelle che riguardano le comunità islamiche sono quattro: il Comune propone di regolarizzare quattro moschee “informali”, che al momento esistono come semplici centri culturali islamici. Si trovano in via Padova, via Maderna, via Gonin e via Quaranta, e sono gestiti da tempo da associazioni legate al territorio e conosciute dalle autorità. Il Comune prevede di regolarizzare anche tre centri religiosi di comunità cristiano-evangeliche e due centri di copti ortodossi.

Il Comune preparerà inoltre un bando per assegnare tre edifici di proprietà comunale che nel PAR sono stati convertiti a edifici religiosi. Due di questi erano già stati assegnati a metà del 2015 in un bando poi finito nel nulla tra ricorsi vari e per via della nuova legge regionale: l’edificio di via Esterle era andato al CAIM, una potente rete di associazioni islamiche in Lombardia, mentre l’area di via Marignano fu assegnata alla chiesa evangelica Shalom Gospel Church. Non è chiaro se le due associazioni parteciperanno al nuovo bando.

Il paragrafo del PAR che individua le tre aree da mettere a bando

Il PAR, insieme ad altri documenti di modifica del PGT, sarà sottoposto in estate alle comunità interessate e dovrebbe tornare in Giunta fra settembre e ottobre. Verso la fine del 2018 sarà infine discusso e messo ai voti in Consiglio comunale, dove il centrodestra ha già annunciato di voler fare ostruzionismo per impedire la sua approvazione. Gianluca Comazzi, capogruppo di Forza Italia al consiglio regionale, ha spiegato a Milano Post che «troviamo davvero fuori luogo che in un momento così delicato per i cittadini – tra crisi economica e sfiducia nelle istituzioni – la sinistra investa tempo e risorse in favore delle comunità islamiche».

Mostra commenti ( )