Luca Parmitano sarà il primo astronauta italiano con il ruolo di comandante della Stazione Spaziale Internazionale

L’astronauta Luca Parmitano sarà il primo comandante italiano nella storia della Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Lo ha annunciato giovedì l’Agenzia Spaziale Europea (ESA), confermando il ritorno di Parmitano per una seconda missione sulla base orbitale, dopo quella del 2013 durata 166 giorni. La missione di Parmitano inizierà nell’estate del 2019 nell’ambito dell’Expedition 60/61 insieme con l’astronauta statunitense Andrew Morgan e il cosmonauta russo Alexander Skvortsov. Oltre a essere il primo comandate italiano, Parmitano sarà anche il terzo astronauta ad assumere questo incarico nella storia dell’ESA e dei suoi 18 anni di attività sulla Stazione.

Parmitano è nato a Paternò, in provincia di Catania, il 27 settembre del 1976. Si è laureato in Scienze politiche a Napoli e nel 2000 conseguì il diploma presso l’Accademia Aeronautica di Pozzuoli. Parte del suo addestramento di base da pilota si è svolto negli Stati Uniti. Tornato in Italia è stato assegnato al pilotaggio degli aerei da attacco al suolo AMX. Ha dimostrato in più occasioni le sue capacità di pilota, soprattutto nel 2005 quando ebbe la sfortuna di andare a sbattere con il suo AMX contro un grosso uccello mentre stava sorvolando il canale della Manica. Nonostante l’aereo fosse molto danneggiato, e con la radio fuori uso, riuscì a compiere un atterraggio di emergenza, senza eiettarsi facendo schiantare l’aereo al suolo come si fa di solito in casi simili.

A luglio del 2009 Parmitano conseguì un master in Ingegneria del volo sperimentale a Tolosa, in Francia. Nello stesso anno venne selezionato per diventare astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA), e da allora iniziò la formazione per la propria missione in orbita intorno alla Terra del 2013. Ora sta seguendo l’addestramento per la nuova missione.

L'attività extraveicolare ("passeggiata spaziale") dell'astronauta italiano Luca Parmitano nel 2013. (NASA/ESA)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.