C’è un’altra quindicenne nella classifica dei libri più venduti

Si chiama Elisa Maino e si è fatta conoscere su Musical.ly, dove ha 3,2 milioni di follower: ha scritto un romanzo che si intitola #OPS

Elisa Maino in uno dei suoi ultimi video caricati su YouTube (YouTube/Elisa Maino)

Nelle classifiche dei libri più venduti uscite lo scorso weekend è comparso, al secondo posto dopo il giallo di Joël Dicker La scomparsa di Stephanie Mailer, un altro libro scritto da una youtuber quindicenne: si chiama Elisa Maino, frequenta un liceo classico di Riva del Garda, in provincia di Trento, e come Iris Ferrari – l’ultima adolescente ad arrivare in cima alle classifiche – si è fatta conoscere dai suoi coetanei attraverso l’app per cantare in playback Musical.ly, dove la seguono 3,2 milioni di persone. Maino ha anche più di un milione di follower su Instagram e più di 462mila iscritti al suo canale di YouTube. Il suo libro si intitola #OPS e l’ha pubblicato Rizzoli. A differenza di Una di voi di Iris Ferrari non è un libro autobiografico, ma un romanzo.

#OPS racconta la storia di un’adolescente milanese, Evy, che alla fine della scuola deve andare in vacanza in una località isolata in montagna, dove vive sua nonna (una delle nonne di Maino ha ispirato questo personaggio, il libro le è dedicato) e dove la protagonista incontra un ragazzo. Insomma, al centro del romanzo c’è una trama romantica abbastanza classica, la cosa che lo distingue è il fatto che nel posto in cui Evy va in vacanza non c’è connessione a internet, e per questo la ragazza deve passare tutta l’estate senza social network e senza la possibilità di comunicare come è abituata con i suoi amici di città. Il titolo sta per «Ora puoi scordarmi», una frase che la nonna di Maino le disse prima di morire, stando a quanto ha raccontato la youtuber. Associati al libro in modo promozionale ci sono anche un rossetto di Kiko e una canzone, che si chiama a sua volta “OPS”: la canta il rapper Mr Rain ed è prodotta da Warner Music.

Maino non collabora solo con Warner e Kiko, ma anche con altre aziende di cui promuove i prodotti in alcuni dei suoi video. È rappresentata dalla One Shot Agency, che rappresenta anche gli Zero Assoluto, il cantante Alessio Bernabei (ex partecipante di Amici con la band Dear Jack) e lo youtuber Gordon, quello che fa video comici vagamente misogini indossando parrucche.

I suoi rapporti con Warner sono nati per via del successo su Musical.ly: la casa discografica le ha chiesto di promuovere in anteprima le canzoni di alcuni dei suoi artisti popolari tra gli adolescenti. Nelle interviste che le sono state fatte finora ha spiegato di non saper cantare – anche se frequenta un corso di danza e balla anche nel video di “OPS” – e che da grande vorrebbe condurre un programma televisivo. Oppure fare la chirurga.

Come quelli di altri giovani yotuber, i suoi video possono sembrare noiosi a una persona adulta: c’è lei che parla delle cose che le sono piaciute di più nel mese precedente (è un vero e proprio genere di video su YouTube), lei che intervista i suoi genitori, lei che spiega come ottenere certi effetti su Musical.ly o come truccarsi in un certo modo, o ancora lei che spiega come affrontare l’esame di terza media o come il liceo sia diverso dalle scuole medie. Basta guardare anche uno solo di questi video per accorgersi che Maino è molto spigliata – lo era anche nei primi video del suo canale, quando aveva solo dodici anni – e questo la fa sembrare più grande della sua età, oltre che una vera professionista del settore degli influencer.

La presentazione di #OPS fatta da Maino, in circa 25 minuti:

Mostra commenti ( )