(ANSA/ANGELO CARCONI)

«I ministri li sceglie il presidente della Repubblica», diceva Di Maio mercoledì

Qualche giorno fa Di Maio sembrava avere molto chiaro quali fossero i poteri del capo dello Stato

(ANSA/ANGELO CARCONI)

Mercoledì scorso, parlando con i giornalisti delle trattative in corso con la Lega per la formazione del governo guidato da Giuseppe Conte, il capo del M5S Luigi Di Maio aveva spiegato così ai giornalisti perché non avrebbe risposto alle domande sulle nomine dei futuri ministri.

«Sui ministri non c’è nessuna discussione in atto perché i ministri li sceglie il presidente della Repubblica. Non fate retroscena sui ministri perché non c’è niente»

Di Maio l'impianto ha retto, su ministri decide il presidente della Repubblica

Luigi Di Maio: non c'è nessuna discussione sui Ministri. Decide il presidente #Mattarella

Gepostet von Agenzia Vista am Mittwoch, 23. Mai 2018

Di Maio quel giorno aveva detto una cosa vera e una falsa. Quella vera è che i ministri li sceglie il presidente della Repubblica – su proposta del capo del governo – ma nonostante questo domenica sera Di Maio ha detto che intende proporre la messa in stato d’accusa del presidente della Repubblica, per non aver acconsentito alla nomina di Paolo Savona richiesta da M5S e Lega. Quella falsa è che ovviamente M5S e Lega, come qualsiasi altro partito che intenda sostenere un governo, hanno trattato e discusso sui nomi dei futuri ministri.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.