Frode Berg (AP Photo/Pavel Golovkin)
  • Mondo
  • sabato 26 Maggio 2018

La strana spy story tra Norvegia e Russia

Un innocuo pensionato di 62 anni arrestato mesi fa a Mosca ha ammesso di essere stato reclutato dall'intelligence norvegese per fare il corriere: e sembra non essere l'unico

Frode Berg (AP Photo/Pavel Golovkin)

Alla fine dello scorso anno le autorità russe arrestarono a Mosca un uomo di 62 anni con l’accusa di spionaggio. L’uomo, che si trova ancora in carcere, si chiama Frode Berg, ed è un ex guardia di frontiera che ha vissuto tutta la vita a Kirkenes, un paesino della Norvegia al confine con la Russia e abitato da poco meno di 4mila abitanti. Berg rischia fino a 20 anni di prigione e al momento non sembra che il suo rilascio possa essere raggiunto con uno scambio di detenuti – non ci sono spie russe nelle carceri norvegesi – e nemmeno con un accordo tra i due governi, i cui rapporti negli ultimi anni sono peggiorati, così come quelli tra tutti i paesi della NATO e la Russia.

L’arresto di Berg ha fatto molto scalpore, perché è stato il primo caso di presunto spionaggio in Russia di una spia norvegese dalla fine della Seconda guerra mondiale. Cosa facesse esattamente Berg per la Etterretningstjeneste, l’agenzia di intelligence norvegese, non è ancora del tutto chiaro, ma si pensa che fosse impiegato come corriere per portare buste di soldi al di là del confine, probabilmente per pagare altre spie o informatori in possesso di informazioni sensibili. Al momento del suo arresto fu trovato in possesso di una busta contenente tremila euro in contanti. Alla fine di aprile Berg ha ammesso di avere lavorato per la Etterretningstjeneste per diversi anni, ma il suo avvocato ha aggiunto che il suo cliente fu reclutato senza che gli fosse spiegato lo scopo dell’operazione, i rischi e le responsabilità. Il ministero della Difesa norvegese, interpellato per dire qualcosa sull’accaduto, non ha voluto commentare.

L’arresto di Berg ha aperto una specie di vaso di Pandora. Alla fine di aprile la NRK, la radiotelevisione di stato norvegese, ha rivelato i risultati di un’inchiesta andata avanti diverse settimane: ha detto di essere entrata in contatto con diversi cittadini norvegesi che vivono e lavorano a Kirkenes e che hanno sostenuto che la situazione di Berg non fosse unica. Sembra infatti che negli ultimi anni l’intelligence norvegese abbia aumentato gli sforzi per reclutare civili che vivono al confine con la Russia, con un profilo simile a quello di Berg: impegnati in iniziative di collaborazione tra norvegesi e russi e che per questioni di lavoro hanno diversi contatti con funzionari o autorità al di là della frontiera.

Dopo le rivelazioni di NRK, l’attività di reclutamento dell’intelligence norvegese è stata criticata molto. Rune Rafaelsen, sindaco di Sør-Varanger, il comune norvegese a cui appartiene anche Kirkenes, ha criticato sul quotidiano Aftenposten i metodi di lavoro della Politiets sikkerhetstjeneste, l’agenzia di sicurezza norvegese che lavora insieme all’intelligence nelle attività legate alla raccolta di informazioni (è indicata con la sigla PST, ed è una cosa simile all’MI5 britannico). Rafaelsen ha detto di essere a conoscenza di questi sistemi di reclutamento da anni e ha parlato del rischio di nuove tensioni tra città di confine norvegesi e russe.

Il problema non riguarda comunque solo gli abitanti di Kirkenes e di altre città che si trovano vicino alla frontiera, ma più in generale i rapporti tra Russia e Norvegia, che negli ultimi anni sono diventati sempre più complicati. La Norvegia, ha scritto l’Atlantic, si trova in una «posizione scomoda». Da una parte collabora con la Russia su numerose questioni, in particolare a livelli più bassi, quindi senza passare necessariamente per i vertici dei due stati. I due paesi hanno rapporti tradizionalmente cortesi e il governo norvegese, ha detto la ministra degli Esteri Ine Eriksen Søreide, ha cercato di mantenerli tali nonostante le crisi degli ultimi anni.

Dall’altra parte, essendo paese membro della NATO, la Norvegia svolge vari tipi di attività di sorveglianza fisica ed elettronica in Russia e risente delle periodiche tensioni tra governo russo e governi occidentali. Negli ultimi anni la Russia ha condotto esercitazioni militari senza avvisare gli stati confinanti, ha simulato un bombardamento su una stazione radar nel nord-est della Norvegia, ha rafforzato la sua presenza militare nell’Artico e ha intensificato le attività di spionaggio ai suoi confini nord-occidentali. A causa delle attività militari russe e delle tensioni emerse, l’attuale governo norvegese ha aumentato per la prima volta le spese per la difesa, dopo anni di tagli. Secondo diversi osservatori, l’arresto di Frode Berg ha già provocato nuove tensioni e potrebbe indebolire la collaborazione di basso livello, quella che finora aveva continuato a funzionare, nonostante tutto.