In TIM si è ribaltato tutto

Dopo una votazione fra i soci il fondo americano Elliott ha ottenuto la maggioranza nel cda sconfiggendo Vivendi, che però rimane azionista di maggioranza

ANSA / MATTEO BAZZI

Il prossimo consiglio di amministrazione di TIM, cioè la principale azienda di telecomunicazioni in Italia, sarà controllato dal fondo statunitense Elliott. Lo ha deciso con una votazione l’assemblea dei soci riunita oggi nella sede di TIM a Rozzano, in provincia di Milano. È uno sviluppo notevole, se si pensa che Elliott controlla solo l’8 per cento delle quote dell’azienda: negli ultimi mesi però è riuscito a convincere diversi altri soci a sostenere la propria linea e a chiedere la rimozione dell’attuale cda controllato dall’azienda francese Vivendi, cioè il socio di maggioranza.

I soci presenti all’assemblea di oggi gestiscono in totale il 67,15 per cento delle quote di TIM. Tenendo conto solo delle quote presenti, la mozione di Elliott ha raccolto il 49,84 per cento, mentre Vivendi si è fermata al 47,18 per cento. Gli astenuti controllavano invece il 2,38 per cento delle quote. Grazie alla vittoria di oggi Elliott potrà esprimere 10 consiglieri su 15: saranno Fulvio Conti (che sarà probabilmente il nuovo presidente), Alfredo Altavilla, Massimo Ferrari, Paola Giannotti de Ponti, Luigi Gubitosi, Paola Bonomo, Maria Elena Cappello, Lucia Morselli, Dante Roscini, Rocco Sabelli. Vivendi esprimerà invece gli altri cinque.

Quello di oggi è stato il passaggio finale di una vicenda iniziata a marzo, quando Elliott si era interessata a TIM acquistandone migliaia di azioni. Il suo obiettivo è diventato chiaro quasi subito: il cosiddetto “deconsolidamento” della rete telefonica, cioè la creazione di una società separata e quotata in borsa che contenga la rete di TIM – il bene più prezioso di cui dispone la società – e che quindi porti dei profitti immediati ai soci. Elliott ha trovato degli alleati preziosi sia in molti soci di piccola entità sia nel governo italiano, che ad aprile ha acquisito circa il 5 per cento di TIM tramite la Cassa Depositi e Prestiti (CDP).

Secondo gli analisti, l’idea a lungo termine del governo – che secondo ANSA aveva concordato l’ingresso di CDP in TIM «con le principali forze politiche» – sarebbe fondere la nuova società – che conterrebbe la rete telefonica – con Open Fiber, una controllata del governo che possiede una rete di fibra ottica, e creare così un unico ente gestore nazionale di modo da sviluppare più facilmente la diffusione della banda ultralarga per la connessione a Internet.

Vivendi si trova ora in una posizione molto scomoda: possiede ancora la maggior parte delle quote e controlla la carica di CEO – che è slegata dal consiglio di amministrazione – ma ha perso il controllo del cda, che verosimilmente indirizzerà la società in un’altra direzione da quella presa negli ultimi tempi. Non è ancora chiaro cosa intenda fare: parlando dopo il voto, il suo direttore della comunicazione ha detto che l’azienda continuerà ad appoggiare l’attuale CEO Amos Genish «e la sua strategia industriale a lungo termine. Saremo molto attenti e vigili affinché la strategia non cambi».