(AP Photo/Christophe Ena)
  • Moda
  • venerdì 4 maggio 2018

Chanel ha costruito un transatlantico per la sua sfilata

Per la collezione dedicata alle vacanze e ispirata alla Riviera francese: c'erano Gigi e Bella Hadid, Kristen Stewart e Margot Robbie

(AP Photo/Christophe Ena)

Chanel ha presentato la sua collezione cruise 2018, cioè quella di metà stagione dedicata agli abiti per i viaggi e le vacanze, che come al solito è stata allestita al Grand Palais di Parigi in un’ambientazione scenografica. La collezione era ispirata al mondo nautico e la passerella terminava nella replica di un transatlantico lungo 90 metri chiamato “La Pausa”, come la casa di villeggiatura nella Riviera francese di Coco Chanel, la fondatrice del marchio. E come per tutte le sfilate di Chanel, c’erano le modelle del momento in passerella, tra cui le sorelle Gigi e Bella Hadid, e nel pubblico attrici, ex modelle e personaggi famosi: Steve McQueen, Kristen Stewart, Margot Robbie e Lily-Rose Depp.

Le modelle indossavano baschetti, abiti ricoperti di righe marinaresche, colori tenui, molto bianco e cappelli di paglia, perfetti per una vacanza in Costa Azzurra, oltre ai tipici vestitini e tailleur con gonna in tweed di Chanel, indossati però su calze bianche, che da tempo non si usavano più. In sottofondo musicale, come in un vero porto, versi di gabbiani e rumori di corde scricchiolanti.

La sfilata potrebbe aver fatto un po’ di luce sul futuro di Chanel dopo che Lagerfeld, che ha 84 anni, sarà andato in pensione: a fine sfilata è comparso per ricevere l’applauso del pubblico insieme a Virginie Viard, considerata da tempo il suo braccio destro. Alcuni hanno pensato che fosse un segnale sul suo prossimo ritiro e un’indicazione su chi prenderà il suo posto, ma un portavoce di Chanel ha precisato che la presenza di Viard non aveva alcun significato.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.