• Mondo
  • mercoledì 2 maggio 2018

L’Europol ha un nuovo capo, ed è belga

È una donna, si chiama Catherine De Bolle ed era a capo della criticata polizia belga durante gli attentati di Parigi e Bruxelles: ehm

Catherine De Bolle (THIERRY ROGE/AFP/Getty Images)

Da martedì l’Europol, l’agenzia di polizia dell’Unione Europea, ha un nuovo capo, che per la prima volta è una donna: si chiama Catherine De Bolle, ha 48 anni e ha una reputazione di professionista stimata e rispettata da molti colleghi. Ma c’è un problema: De Bolle era a capo della polizia del Belgio durante gli attentati terroristici di Parigi del 2015, organizzati parzialmente a Bruxelles, e durante gli attacchi nella capitale belga compiuti dallo Stato Islamico (o ISIS) quattro mesi dopo. Sotto la sua direzione, la polizia belga è stata accusata di avere lavorato male, di non avere condiviso le informazioni a sua disposizione con le altre polizie europee e di non essere stata in grado di coordinarsi nemmeno al suo interno, tra i diversi dipartimenti. Per questo, diversi funzionari europei di intelligence e di polizia sentiti da Politico hanno messo in dubbio la capacità di De Bolle di ricoprire un ruolo così importante, soprattutto in un periodo in cui il rischio di attentati terroristici in Europa rimane alto.

Prima di essere accusata di inadeguatezza da diversi funzionari europei, De Bolle era stata criticata in Belgio da un organo indipendente creato dal Parlamento con l’obiettivo di monitorare l’operato della polizia nazionale. Nel 2016 l’organo, che si chiama Comité P (Comitato permanente di controllo dei servizi di polizia), scoprì che la polizia belga era in possesso di informazioni importanti su due degli attentatori di Parigi, i fratelli Salah e Brahim Abdeslam, già dalla metà del 2014, quindi più di un anno prima degli attentati di Parigi rivendicati dallo Stato Islamico. Il rapporto del Comité P non accusava solo la polizia belga di avere sottostimato la minaccia, ma parlava anche di poca voglia di prendersi responsabilità individuali, di risorse limitate e della mancanza di indicazioni dei vertici di polizia su come maneggiare informazioni così sensibili.

Nonostante nel rapporto non fossero indicate responsabilità individuali di De Bolle, l’allora presidente del Comité P, Yves Keppens, accusò l’ex capo della polizia belga di voler intralciare le indagini del comitato. Disse che De Bolle voleva avere il rapporto prima che fosse diffuso – e sarebbe stata una violazione delle regole del Comité P – e per riuscirci coinvolse anche il ministro degli Interni belga Jan Jambon. De Bolle rispose sostenendo di avere il diritto di difendere se stessa e la polizia di cui era a capo; se la sua posizione fosse stata ignorata, disse, si sarebbe ottenuta solo una ricostruzione parziale dell’intera storia.

Non tutti comunque sono d’accordo con chi critica De Bolle. Saad Amrani, commissario capo e consigliere della polizia federale belga, ha sottolineato come De Bolle sia riuscita a sopravvivere e a farsi rispettare in un lavoro tipicamente maschile, che ha mantenuto dal 2012 fino alla scorsa settimana: «Nessuno voleva una donna a capo dell’organizzazione. La polizia federale è un club per uomini e molti conservatori non erano felici di avere come capo una donna». La stessa De Bolle ha difeso il proprio lavoro sostenendo che negli ultimi anni sono stati diversi i paesi europei a essere colpiti da attentati terroristici, ma in quei casi non si è parlato di “fallimento” delle polizie. In effetti, nonostante il Belgio sia stato molto criticato per non avere saputo gestire nella maniera migliore la minaccia terroristica, osservatori e analisti hanno sottolineato come il problema negli ultimi anni non riguardasse solo la polizia e la politica belga: responsabilità rilevanti sono state attribuite anche alla generale scarsa cooperazione tra le intelligence dei vari paesi europei.

De Bolle prenderà il posto di Rob Wainwright, ex analista di intelligence all’MI5, i servizi segreti interni del Regno Unito. Wainwright si è costruito una reputazione proprio sulle cose su cui sembra essere più debole De Bolle: è considerato un abile comunicatore e ha stimolato un migliore coordinamento e condivisione di informazioni tra le diverse agenzie di polizia europee.