(Dan Istitene/Getty Images)
  • Sport
  • domenica 29 Aprile 2018

Hamilton ha vinto il Gran Premio d’Azerbaijan

È arrivato davanti a Raikkonen e Perez: era il quarto Gran Premio del Mondiale ed è stato molto vivace, soprattutto negli ultimi tre giri

(Dan Istitene/Getty Images)

Lewis Hamilton, pilota britannico della Mercedes, ha vinto il Gran Premio d’Azerbaijan di Formula 1, corso oggi sul circuito cittadino di Baku, la capitale del paese. Hamilton è ora primo nella classifica del Mondiale. Al secondo posto è arrivato Kimi Raikkonen della Ferrari, al terzo Sergio Perez della Force India. Per Hamilton è il 63esimo Gran Premio vinto in carriera, il primo in questa stagione. Quello di Baku era l’unico Gran Premio, tra quelli attualmente nel calendario di Formula 1, in cui Hamilton non aveva mai vinto.

Sebastian Vettel, che è arrivato quarto, è stato in testa per i primi giri ed Hamilton, che gli era arrivato molto vicino, ha poi perso diversi secondi per un problema alle gomme, dopo il quale ha dovuto fare un pit stop. Al momento del pit stop di Vettel è invece passato in testa Valtteri Bottas, finlandese della Mercedes.

La parte più interessante del Gran Premio sono stati gli ultimi tre giri, quelli dopo l’uscita della safety car: Vettel, che era secondo, ha sbagliato una curva e perso un paio di posizioni e Bottas, che era primo, ha forato, probabilmente a causa di un detrito in pista, e si è dovuto ritirare: a tre giri dalla fine era primo, poi ha finito il Gran Premio senza nemmeno fare un punto. Hamilton, che a tre giri dalla fine era terzo, si è quindi trovato primo.

Durante la gara – come spesso succede nel caso di circuiti cittadini, come quello di Baku – è dovuta entrare più volte in pista la safety car: la prima volta dopo pochi giri; la seconda a pochi giri dalla fine.

Nel corso del Gran Premio ci sono stati diversi contatti tra monoposto: i più rilevanti sono stati quelli al primo giro tra Kimi Raikkonen e Esteban Ocon e, soprattutto, quello tra Max Verstappen e Daniel Ricciardo, entrambi piloti Red Bull. Già nei giri precedenti, i due piloti avevano reciprocamente provato a superarsi, correndo grandi rischi. Il francese Romain Grosjean ha avuto invece un incidente mentre in pista c’era la safety car, dovuto al fatto che stava provando a scaldar le gomme in frase di frenata.

Questo l’ordine di arrivo completo del Gran Premio del Bahrein:

1) Lewis Hamilton (Mercedes)
2) Kimi Raikkonen (Ferrari)
3) Sergio Perez (Force India)
4) Sebastian Vettel (Ferrari)
5) Carlos Sainz Jr. (Renault)
6) Charles Leclerc (Sauber)
7) Fernando Alonso (McLaren)
8) Lance Stroll (Williams)
9) Stoffel Vandoorne (McLaren)
10) Brendon Hartley (Toro Rosso)
11) Marcus Ericsson (Sauber)
12) Pierre Gasly (Toro Rosso)
13) Kevin Magnussen (Haas)

Nel corso della gara si sono ritirati sette piloti: Valtteri Bottas (Mercedes), Romain Grosjean (Haas), Max Verstappen, Daniel Ricciardo (Red Bull), Nico Hulkenberg (Renault), Esteban Ocon (Force India), Sergej Sirotkin (Williams).

La classifica del Mondiale

1. Hamilton 70
2. Vettel 66
3. Raikkonen 48
4. Bottas 40
5. Verstappen 37