Kanye West e Donald Trump, di nuovo

Il rapper americano e il presidente degli Stati Uniti si sono scambiati degli apprezzamenti su Twitter, e a molti non è piaciuto

(Drew Angerer/Getty Images)

Il rapper americano Kanye West ha avuto uno scambio di apprezzamenti su Twitter con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, attirando su di sé critiche e attenzioni dei suoi fan e dei media americani. West, che è uno dei più importanti e seguiti artisti hip hop di sempre, è abituato alle uscite controverse e provocatorie, che sono state uno dei tratti distintivi della sua carriera. Nei giorni scorsi era tornato a usare Twitter dopo molti mesi di inattività, scrivendo principalmente frasi motivazionali e annunciando alcuni dischi (suoi o prodotti per altri) per le prossime settimane. Ma mercoledì ha scritto:

Potete non essere d’accordo con Trump, ma la gente non può impedirmi di amarlo. Siamo entrambi energia di drago. Lui è mio fratello. Io amo tutti. Non condivido tutto quello che fa. Questo è ciò che ci rende persone. E abbiamo il diritto al pensiero autonomo.

West ha anche pubblicato una propria foto con il cappellino “Make America Great Again” firmato da Trump. Trump ha ritwittato West, scrivendo: «Grazie Kanye, molto fico» a proposito del suo tweet sull’energia di drago.

West aveva già incontrato Trump nel suo grattacielo di New York nel 2016, e poco dopo le elezioni presidenziali aveva detto a un concerto che non aveva votato, ma che se lo avesse fatto avrebbe scelto Trump. Questo gli aveva attirato molte critiche, dai suoi fan e dalla stampa: West è stato infatti un attivo sostenitore di Barack Obama, e in generale ha sempre difeso attivamente i diritti degli afroamericani, e per questo il suo sostegno a Trump, per quanto vago e annacquato, ha sorpreso e indignato molti.

Poco dopo il suo primo tweet, West aveva comunque precisato che, dopo aver sentito sua moglie Kim Kardashian, ci teneva a spiegare che non condivide tutto di Trump.  Kardadshian ha difeso suo marito e ha scritto in un tweet: «È un libero pensatore, non è più permesso in America?».

Nelle ore successive West ha scritto anche che «Obama è stato presidente per otto anni e a Chicago non è cambiato niente» e, in un altro tweet, «mi piace anche Hillary [Clinton]». In un altro, è sembrato annunciare una sua candidatura per le elezioni presidenziali del 2024.

Molti giornali e commentatori, parlando dei tweet di West, lo hanno accusato di essere “sconclusionato” e hanno insinuato che abbia dei problemi mentali. Sia West sia Kardashian hanno risposto a queste accuse, sostenendo che questi temi dovrebbero essere trattati con meno superficialità.

L’anno scorso, West aveva avuto dei problemi di salute che lo avevano costretto ad annullare il proprio tour. Dopo mesi in cui si era ritirato completamente dalla vita pubblica, è tornato a far parlare molto di sé negli ultimi giorni per i suoi tweet. Secondo la maggior parte delle persone che lo seguono e conoscono da tempo, le sue posizioni dipendono più dal suo proverbiale gusto per la controversia che da reali preferenze politiche, e sono principalmente un modo per promuovere i suoi prossimi dischi e le sue prossime linee di abbigliamento.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.