• Mondo
  • mercoledì 11 aprile 2018

Sette militari del Myanmar hanno ricevuto una condanna a dieci anni di prigione per aver preso parte a un massacro di Rohingya

Sette militari del Myanmar sono stati condannati a scontare dieci anni di prigione e lavori forzati per aver preso parte al massacro di dieci Rohingya, i membri della minoranza di religione musulmana da anni perseguitata nel paese a maggioranza buddista. Il massacro è avvenuto lo scorso settembre, in un villaggio nella regione nord-occidentale del Rakhine. Il massacro era stato scoperto da due giornalisti di Reuters: Wa Lone, 31 anni, e Kyaw Soe Oo, 28 anni. Entrambi sono stati arrestati lo scorso dicembre per aver violato le leggi sulla segretezza del paese e si trovano ancora in prigione, in attesa di processo.

L’operazione compiuta dai sette militari condannati faceva parte di una campagna più ampia compiuta da esercito e milizie e che ha portato alla fuga e all’uccisione di migliaia di Rohingya dal paese. Si calcola che, nel corso dell’estate 2017, più di 600 mila persone abbiano abbandonato il Myanmar e circa 7 mila siano state uccise negli scontri e nelle pulizie etniche.

Il reportage fotografico più forte sulla crisi dei rohingya

(AP Photo/Esther Htusan)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.