• Sport
  • lunedì 9 aprile 2018

Nessuno sembra volere andare in Champions League

Con Juventus e Napoli praticamente certe della qualificazione restano in ballo tre squadre per due posti, ma nessuna approfitta mai delle sconfitte altrui

Il capitano dell'Inter Mauro Icardi dopo una delle occasioni sbagliate nel derby di Milano (MIGUEL MEDINA/AFP/Getty Images)

Dalla prossima stagione la quarta classificata nella Serie A di calcio di tornerà a disputare la Champions League. Lo aveva fatto fino al 2011, prima che il campionato tedesco superasse la Serie A nel ranking dei campionati UEFA. Le cose sono tornate a com’erano prima grazie a una riforma della UEFA; la quarta classificata, fra l’altro, sarà qualificata direttamente ai gironi senza passare per i playoff come avveniva in precedenza. Significa che al termine del campionato a ciascuna delle prime quattro classificate spetteranno circa 20 milioni di euro fra bonus, premi e diritti televisivi che la UEFA distribuisce annualmente alle squadre che partecipano ai gironi: due di queste squadre le conosciamo già, ma la terza e la quarta posizione sono ancora aperte.

A sette giornate dal termine della Serie A, Juventus e Napoli sono praticamente certe di finire il campionato nelle prime due posizioni, e quindi di aver un posto assicurato in Champions League. Resta da decidere chi arriverà terza e quarta. Sono in ballo Roma, Lazio e Inter, che in classifica sono divise da appena un punto. Il Milan, sesto in classifica a 8 punti da Lazio e Roma, sembra invece definitivamente fuori dai giochi.

Negli ultimi mesi hanno avuto a turno l’occasione di prendersi il terzo posto ed ottenere un vantaggio di alcuni punti: nessuna però ne ha mai approfittato. La competizione è ancora aperta e non è chiaro quali siano le due più meritevoli di qualificarsi.

1) Juventus – 81
2) Napoli – 77
3) Roma – 60
4) Lazio – 60
——————————————
5) Inter – 59
6) Milan – 52

Nell’ultima giornata di campionato la Lazio ha vinto in trasferta a Udine e ha così raggiunto al terzo posto la Roma, che sabato è stata sconfitta in casa dalla Fiorentina. L’Inter è invece rimasta ferma a 59 punti dopo la sconfitta contro il Torino ed è scesa al quinto posto. Nonostante nelle ultime due giornate di campionato abbia disputato due buone partite, l’Inter non è riuscita a segnare nemmeno un gol a fronte delle tante occasioni avute per farlo e ha ottenuto un solo punto, nel derby contro il Milan. La settimana prossima giocherà in trasferta contro l’Atalanta, un incontro molto complicato: non dovrebbe perdere ulteriori punti, però, dato che Lazio e Roma giocheranno contro nel derby romano. La più in forma delle tre squadre, almeno per il momento, sembra la Lazio, che ha segnato 12 gol nelle ultime partite fra Europa League e campionato; ma da qui alla fine della Serie A possono ancora cambiare molte cose.

Da qui al termine del campionato Inter, Roma e Lazio avranno un calendario tutto sommato molto simile, con due partite difficili e cinque alla portata. La Roma giocherà contro Lazio, Genoa, Spal, Chievo, Cagliari, Juventus e Sassuolo. L’Inter avrà Atalanta, Cagliari, Chievo, Juventus, Udinese, Sassuolo e Lazio, a cui invece manca di giocare contro Roma, Fiorentina, Sampdoria, Torino, Atalanta, Crotone e Inter.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.