“Black Panther” sarà il primo film proiettato al cinema in Arabia Saudita in più di trent’anni

Black Panther, il film della Marvel uscito in Italia a febbraio, sarà il primo film proiettato nei nuovi cinema dell’Arabia Saudita, la cui apertura è stata decisa nel dicembre 2017. In Arabia Saudita i cinema erano stati vietati all’inizio degli anni Ottanta.

Black Panther è stato prodotto dalla Disney e sarà distribuito in Arabia Saudita da Italia Film, che si occupa della distribuzione dei film Disney nel Medio Oriente. La prima proiezione sarà il 18 aprile a Riyad, la capitale del paese, in un lussuoso cinema che si trova nel distretto finanziario intitolato al re Abdullah bin Abdulaziz. Il cinema ha più di 500 posti ed era stato inizialmente costruito per essere una sala concerti, con balconate, appositi spazi per l’orchestra e bagni in marmo. Il cinema è di proprietà della società AMC, il cui CEO Adam Aron ha detto: «Pensiamo che diventerà il più bel teatro al mondo». AMC, che è statunitense ma è controllata dalla società cinese Dalian Wanda, ha intenzione di aprire in Arabia Saudita fino a 40 cinema nei prossimi cinque anni e circa 100 entro il 2030.

La decisione di riaprire i cinema in Arabia Saudita fa parte del piano di riforme presentato nell’aprile 2016 dal principe ereditario Mohammed bin Salman (spesso chiamato solo MbS): il piano si chiama “Vision 2030” e ha lo scopo di rendere l’Arabia Saudita più moderna – e quindi anche più indipendente dall’andamento dei mercati petroliferi – entro il 2030. Negli ultimi mesi erano già stati proiettati alcuni film in Arabia Saudita, per esempio quel brutto film sugli emoji, ma le proiezioni erano state fatte in un centro culturale controllato dallo stato, non in un vero cinema.

(Un render del cinema AMC di Riyad, in Arabia Saudita)