DAMIEN MEYER/AFP/Getty Images
  • Italia
  • giovedì 5 Aprile 2018

È disponibile il modello per l’esenzione dal pagamento del canone Rai per chi ha più di 75 anni

L'ultima legge di bilancio ha alzato la soglia di reddito che permette di fare domanda di esenzione o rimborso

DAMIEN MEYER/AFP/Getty Images

La legge di bilancio del 2018, in vigore dallo scorso 1 gennaio, ha introdotto una modifica ai requisiti che permettono ad alcune categorie di persone di chiedere l’esenzione dal pagamento del canone Rai. Tra quelli che potranno fare domanda, secondo la nuova norma, c’è chi ha 75 anni o più e percepisce un reddito inferiore a 8.000 euro lordi annui, equivalenti a circa 615,38 euro al mese per tredici mesi. Prima della nuova legge di bilancio, il limite di reddito era più basso (6.713,98 euro annui).

L’Agenzia delle Entrate ha specificato che se si vuole chiedere il rimborso di un pagamento per il canone già effettuato per gli anni fino al 2017 vale ancora la vecchia disposizione, e quindi il vecchio limite di reddito fissato a 6.713,98 euro annui, mentre per i rimborsi dal 2018 varrà il nuovo limite di 8.000 euro annui. Il rimborso è la soluzione per «i cittadini che hanno pagato il canone pur essendo in possesso dei requisiti previsti dalla legge» per l’esenzione. A questa pagina del sito dell’Agenzia delle Entrate potete trovare le informazioni su come spedire i modelli e altre utili specifiche, come:

L’agevolazione compete se nell’abitazione di residenza si possiedono uno o più apparecchi televisivi, mentre non compete nel caso in cui l’apparecchio televisivo sia ubicato in luogo diverso da quello di residenza.

L’agevolazione spetta per l’intero anno se il compimento del 75° anno è avvenuto entro il 31 gennaio dell’anno stesso. Se il compimento del 75° anno è avvenuto dal 1° febbraio al 31 luglio dell’anno, l’agevolazione spetta per il secondo semestre.

Alla stessa pagina trovate anche i moduli per l’esenzione, che sono disponibili da ieri:
Istruzioni per la compilazione della dichiarazione di esenzione
Dichiarazione di esenzione

E quelli per il rimborso di un pagamento del canone già effettuato:
Istruzioni per la compilazione della richiesta di rimborso
Richiesta di rimborso

In alternativa, se il canone non dovuto è stato versato mediante la bolletta elettrica, è possibile richiedere il rimborso, dopo aver presentato la dichiarazione sostitutiva che attesta il possesso dei requisiti, utilizzando lo specifico modello – pdf – che può essere trasmesso anche on line – indicando la causale 1.

Trovate invece informazioni utili su tutti gli altri casi di esonero a questa pagina: possono fare domanda per l’esenzione al pagamento del canone Rai anche le persone che non possiedono un televisore (proprio o di un componente della propria famiglia anagrafica) in nessuna delle abitazioni in cui hanno un’utenza elettrica intestata. In questa categoria rientra anche chi possiede solo computer privi di sintonizzatore TV. Se cioè si ha un computer che consente l’ascolto o la visione dei programmi radiotelevisivi via internet e non attraverso la ricezione del segnale digitale terrestre o satellitare, non è necessario pagare il canone.