Di Maio dice che Salvini deve scegliere “fra rivoluzione e restaurazione”

Durante la puntata di ieri di Dimartedì lo ha invitato esplicitamente a "mollare" Berlusconi e allearsi col M5S

(Fabio Cimaglia / LaPresse)

Nelle puntata di ieri di Dimartedì è andata in onda un’intervista al leader del M5S Luigi Di Maio, che ha parlato fra le altre cose dei partiti a cui chiederà di allearsi per formare un governo in seguito alle consultazioni col presidente della Repubblica, che inizieranno oggi. Come si ipotizzava da giorni, Di Maio ha parlato esplicitamente del Partito Democratico e della Lega: vuole proporre loro “un contratto di governo”, cioè una lista di impegni da sottoscrivere insieme, e dice di rendersi conto che le due alleanze sono alternative fra loro.

Parlando del PD, Di Maio ha detto che non può limitarsi a stare all’opposizione perché «la legge elettorale l’hanno fatta loro», e poi ha elogiato alcuni parlamentari come l’attuale segretario Maurizio Martina e i ministri uscenti Marco Minniti e Dario Franceschini. Di Maio invece non ha criticato né la Lega né il suo segretario Matteo Salvini, che però ha invitato a “mollare” l’alleanza con Forza Italia di Silvio Berlusconi.

Deve scegliere, Salvini, fra la rivoluzione e la restaurazione, cioè se mollare Berlusconi e cominciare a cambiare l’Italia o restare attaccato a Berlusconi e non cambiare nulla.

La puntata era stata registrata nel pomeriggio, e prima che andasse in onda ne erano circolate delle anticipazioni, provocando diverse reazioni. Matteo Salvini, in un post su Facebook, aveva scritto che «a differenza dei 5Stelle, la Lega esclude qualsiasi alleanza di governo col PD bocciato dagli italiani», e aveva aggiunto: «La coalizione che ha preso più voti è quella di centrodestra e da questa si riparte, dialogando anche con i 5Stelle ma senza subire veti o imposizioni».

Mostra commenti ( )