Da oggi su Twitter sono proibite le pubblicità delle criptovalute

A partire da oggi Twitter non mostrerà più le pubblicità legate alle criptovalute sul suo social network, con l’obiettivo di ridurre il rischio di mostrare annunci legati a frodi o a investimenti ad alto rischio agli utenti. Saranno vietate le pubblicità delle Initial Coin Offering (ICO), le offerte iniziali con cui le nuove valute virtuali si presentano agli investitori, e gli annunci dei sistemi per vendere e scambiare bitcoin, ethereum e le altre criptovalute. La regola sarà applicata in tutto il mondo e diventerà definitiva entro un mese, dopo un periodo di transizione per aggiornare sistemi e regole della piattaforma pubblicitaria. Twitter non è l’unica società di Internet ad avere imposto un divieto di questo tipo. Negli ultimi mesi alcuni dei più grandi siti e servizi online, come Facebook e Google, hanno fatto altrettanto per ridurre il rischio di frodi.

(JACK GUEZ/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.