Alex Stamos, il capo della sicurezza informatica di Facebook, vuole dimettersi entro agosto, dice il New York Times

Il capo della sicurezza informatica di Facebook, Alex Stamos, ha in programma di lasciare l’azienda il prossimo agosto, secondo alcune fonti consultate dal New York Times. Stamos è stato centrale nell’aiutare il social network a identificare i tentativi da parte della Russia di interferire nelle presidenziali statunitensi del 2016, con l’obiettivo di avvantaggiare Donald Trump. Secondo il New York Times, negli ultimi mesi avrebbe chiesto azioni più incisive sul tema, ricevendo scarso appoggio da parte degli altri dirigenti di Facebook. Sarebbe questo il motivo principale della decisione di lasciare l’azienda. In seguito alla pubblicazione dell’articolo sul sito del New York Times, Stamos ha scritto in un tweet di essere ancora “pienamente impegnato dentro Facebook”, ammettendo che il suo ruolo è comunque cambiato e che si sta occupando più intensivamente dei rischi legati alla sicurezza, anche nelle campagne elettorali. Stamos non ha però smentito o confermato la notizia della sua decisione di andarsene da Facebook entro la prossima estate.

In seguito alle notizie sul caso Cambridge Analytica, Stamos aveva twittato diverse spiegazioni cercando di chiarire la posizione di Facebook. In seguito, a quanto pare su consiglio dei legali del social network, aveva rimosso i tweet dicendo di non volere creare altra confusione.

Alex Stamos (Win McNamee/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.