• Sport
  • lunedì 19 marzo 2018

Il Sei Nazioni delle donne invece è andato molto bene

Con due vittorie nelle ultime due partite contro Galles e Scozia, l'Italia ha concluso il torneo al quarto posto

Le giocatrici della Nazionale italiana salutano il pubblico presente al Plebiscito di Padova (FIR)

Di pari passo con il Sei Nazioni maschile, si è svolto come ogni anno anche quello femminile. Dopo l’ultimo posto dell’anno scorso, in questa edizione l’Italia allenata da Andrea Di Giandomenico ha concluso il torneo in quarta posizione con dieci punti e a pari merito con l’Irlanda. Nelle prime tre partite l’Italia è stata sconfitta dall’Inghilterra (42-7), dall’Irlanda (21-8) e dalla Francia (57-0): le tre Nazionali più forti e le favorite per la vittoria. Dopo le sconfitte nei turni iniziali, però, la Nazionale si è ripresa e ha ottenuto due vittorie nelle ultime due giornate del torneo contro il Galles (22-15) e Scozia (26-12), superandole in classifica. Ha così eguagliato i risultati ottenuti nel 2016 e si è avvicinata al 2015, quando vinse tre partite e arrivò terza.

Che l’Italia femminile faccia meglio di quella maschile non è più una novità. Dal 2007, anno a cui risale la prima partecipazione nel torneo, la Nazionale femminile non ha mai sfigurato ed anzi si è dimostrata più che competitiva. A eccezione della scorsa annata, la più deludente, nelle altre edizioni del torneo ha sempre ottenuto almeno una vittoria, arrivando anche a due e tre in alcune edizioni particolarmente soddisfacenti. Il Sei Nazioni di quest’anno, inoltre, è da ricordare anche per un altro avvenimento importante per il movimento rugbistico femminile italiano: l’esordio a 24 anni dell’arbitra Maria Beatrice Benvenuti alla direzione di una partita, l’ultima fra Galles e Francia, giocata al Parc Eirias di Colwyn Bay.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.