• blog
  • martedì 13 marzo 2018

Quante copie vendono i quotidiani, rispetto a quattro anni fa

Molte meno, come si sa: e forse meno ancora

(ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images)

Per una lezione sullo stato dei quotidiani nel corso del Post alla scuola Belleville (sono ancora aperte le iscrizioni al secondo ciclo) ci è stato utile mettere insieme un po’ di dati sul declino della diffusione dei maggiori quotidiani italiani. Abbiamo modificato una tabella di Prima Comunicazione, confrontando i dati ADS dello scorso novembre con quelli dello stesso mese di quattro anni prima. La mostriamo anche qui, a chi interessi: con l’indicazione che per semplicità e omogeneità di confronto abbiamo usato i dati di “diffusione”, ovvero le copie messe in circolazione, cartacee e digitali, che comprendono le vendite in edicola, gli abbonamenti e le distribuzioni gratuite (queste ultime sono per esempio per il Corriere una quota maggiore che per le altre testate). Dalla sedicesima posizione in giù abbiamo trascurato i quotidiani locali.

Dell’analisi dei dati di vendita dei giornali si occupa con precisione e costanza DataMediaHub e qui potete trovare maggiori e più recenti dettagli.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.