• Mondo
  • lunedì 12 marzo 2018

In Colombia hanno vinto i conservatori

Il partito dell'ex presidente Uribe, contrario all'accordo di pace con le FARC, ha ottenuto più seggi ma non abbastanza per formare una maggioranza

In Colombia i partiti conservatori hanno vinto le elezioni politiche di ieri, domenica 11 marzo, le prime che vedevano la partecipazione delle FARC, l’ex gruppo rivoluzionario di ispirazione marxista che per decenni ha combattuto le istituzioni statali. Il partito Centro Democratico dell’ex presidente Álvaro Uribe ha ottenuto il maggior numero di seggi, mentre le FARC hanno ottenuto come previsto pochi voti ma avranno comunque alcuni seggi garantiti nel nuovo Parlamento, come stabilito dagli accordi di pace. Le operazioni di voto si sono svolte regolarmente e senza gli episodi di violenza tipici delle elezioni in Colombia degli ultimi anni. Anche se i partiti conservatori hanno ottenuto più seggi, non hanno comunque raccolto voti a sufficienza per formare una maggioranza.

Centro Democratico può contare su 19 seggi al Senato e 33 alla Camera. Sommando i suoi seggi a quelli degli altri grandi partiti di centro-destra e destra si arriva a 50 seggi in Senato, sui 102 disponibili. Il risultato del partito di Uribe è comunque il dato più rilevante delle elezioni, anche perché l’ex presidente si è sempre detto contrario a stipulare accordi di pace con le FARC. Il voto indica che la popolazione è ancora divisa sul tema, anche perché nei loro oltre 50 anni di attività si stima che le FARC abbiano causato la morte di più di 250mila persone. In molti ritengono che avrebbero dovuto rispondere delle loro azioni, non essere incluse così facilmente nel processo democratico e con seggi in Parlamento garantiti.

Ieri in Colombia si sono inoltre votate le primarie per scegliere i candidati alle presidenziali, che si terranno il prossimo 27 maggio. I conservatori hanno scelto Ivan Duque, mentre Gustavo Petro ha vinto le primarie della sinistra. Si confronteranno insieme ad altri candidati e ci sarà un ballottaggio a giugno. Il mandato dell’attuale presidente uscente, Juan Manuel Santos, scadrà a giugno. Per i suoi sforzi nel concordare la pace con le FARC, Juan Manuel Santos è stato insignito del Premio Nobel per la Pace nel 2016.

(LUIS ROBAYO/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.