• Mondo
  • lunedì 12 Marzo 2018

È morto Oskar Gröning, l’ex nazista di 96 anni soprannominato “il contabile di Auschwitz”

Oskar Gröning, un ex nazista di 96 anni soprannominato “il contabile di Auschwitz”, è morto. Gröning nel 2015 era stato condannato a quattro anni di prigione per essersi reso «complice di almeno 300mila crimini» commessi ad Auschwitz fino al 1944. Lo scorso dicembre la Corte Costituzionale Federale tedesca, il più alto tribunale della Germania, aveva rifiutato una richiesta di scarcerazione presentata per via dello stato di salute di Gröning, secondo i suoi avvocati troppo anziano e fragile per continuare a stare in prigione.

Gröning lavorò per due anni nel campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau: il suo compito era smistare i bagagli dei deportati, contare e classificare il denaro trovato tra i loro effetti personali e inviarlo a Berlino. Prima del 2011, nel sistema giuridico tedesco per arrivare all’effettiva condanna degli ex nazisti doveva essere provata la responsabilità individuale dell’imputato: dopo il 2011 è diventata sufficiente la sua “partecipazione” in varie forme allo sterminio sistematico e alla cosiddetta “soluzione finale”; per questo Gröning è stato condannato solo nel 2015. Gröning non ha mai negato il suo coinvolgimento nei fatti per cui è stato condannato, chiedendo perdono e opponendosi anche alle posizioni dei negazionisti dell’Olocausto, ma ha anche sempre sostenuto di essere stato un «piccolo ingranaggio della macchina», dichiarandosi giuridicamente innocente.

Oskar Gröning, il 15 luglio 2015 (TOBIAS SCHWARZ/AFP/Getty Images)