Il Movimento 5 Stelle ha eletto troppi parlamentari

In Sicilia ha preso più seggi del numero di persone che aveva candidato: al Senato risolvere la situazione rischia di essere un guaio

Luigi Di Maio esulta insieme agli altri candidati del Movimento 5 Stelle, osservando i risultati alle elezioni (foto da: "Il Blog delle Stelle")

Alle elezioni di domenica il Movimento 5 Stelle ha stravinto in Sicilia, vincendo tutti e 28 i collegi uninominali dell’isola e raccogliendo il 49 per cento dei voti. La vittoria è stata persino troppo ampia: il Movimento ha ottenuto ben 53 parlamentari, cioè quattro più di quelli che sono presenti sulle sue liste. Significa che in Sicilia il Movimento ha più eletti che candidati: tre seggi alla Camera e uno al Senato sono quindi stati assegnati al partito di Luigi Di Maio in Sicilia, senza che però avesse candidati siciliani con cui occuparli.

Per i tre deputati, cioè i candidati alla Camera, la soluzione dovrebbe essere semplice. Il Rosatellum prevede che in questa circostanza i seggi ottenuti in un collegio in cui sono finiti i candidati da eleggere possono essere pescati da un altro collegio. Repubblica ha intervistato il giurista Gianluigi Pellegrino, che ha spiegato: «Per la Camera il Rosatellum prevede situazioni di questo tipo e le sana con un sistema suppletivo che consente di riattribuire i seggi in altri collegi. Per il Senato, invece, la legge elettorale dice che si applica lo stesso sistema della Camera, eccetto la possibilità di pescare tra i candidati in altre circoscrizioni».

Il problema nasce al Senato, che – come specifica la Costituzione – viene eletto su base regionale. Il Movimento 5 Stelle, però, ha esaurito i candidati al Senato nella circoscrizione siciliana, lasciando scoperto uno dei seggi che gli spettano. Il Rosatellum specifica che in questa circostanza il meccanismo funziona come alla Camera, solo che i senatori mancanti andrebbero pescati in un’altra circoscrizione. Visto che al Senato le circoscrizioni corrispondono sostanzialmente alle regioni, significherebbe eleggere con i voti dei siciliani un senatore candidato da un’altra parte. Questo però potrebbe causare ricorsi presso la Corte Costituzionale. Come ha spiegato Giancarlo Cancelleri, ex candidato presidente del Movimento 5 Stelle in Sicilia: «Per il Senato la norma ha un buco. I seggi a Palazzo Madama sono attribuiti su base regionale, ma in Sicilia abbiamo eletto tutti i nostri candidati. Chiederemo agli uffici come si intende procedere con la casella libera».

Secondo il centrodestra, la seconda forza politica che ha raccolto più voti in Sicilia, la soluzione è semplice: il seggio al Senato spetta a uno dei loro candidati, poiché il criterio regionale di elezione dei senatori deve avere la precedenza sul loro partito politico. Meglio che con i voti degli elettori siciliani del Movimento 5 Stelle si elegga un senatore siciliano ma di un altro partito, piuttosto che un senatore del Movimento 5 Stelle ma di un’altra regione: è più importante che i siciliani siano rappresentati dai 26 senatori che il Rosatellum assegna all’isola, piuttosto che usare i voti dei siciliani per eleggere un senatore di un’altra regione.

Per il momento la questione sarà decisa dall’Ufficio elettorale centrale presso la Cassazione, che ha il compito di proclamare ufficialmente i parlamentari eletti, e passerà poi nelle mani della Giunta per le elezioni del Senato, che avrà il compito di confermare la proclamazione. La questione però rischia di non esaurirsi, poiché se sarà stabilito che il seggio spetta a un senatore del Movimento eletto in un’altra regione, il centrodestra avrà la possibilità di ricorrere alla Corte Costituzionale. Trattandosi di un seggio soltanto, comunque, è difficile che questa situazione contribuisca in qualche modo a modificare gli equilibri parlamentari.

Mostra commenti ( )