Donald Trump (Win McNamee/Getty Images)
  • Mondo
  • venerdì 2 marzo 2018

Gli Stati Uniti imporranno nuovi dazi alle importazioni di acciaio e alluminio

Lo ha annunciato inaspettatamente Donald Trump, provocando le reazioni arrabbiate di diversi alleati e partner commerciali

Donald Trump (Win McNamee/Getty Images)

Il presidente statunitense Donald Trump ha annunciato giovedì l’intenzione di imporre nuovi dazi sulle importazioni di acciaio e alluminio, provocando le reazioni negative di alcuni partner commerciali degli Stati Uniti. Verranno imposti dazi del 25 per cento sulle importazioni di acciaio e del 10 per cento su quelle di alluminio: di fatto verrà introdotta una nuova tassa su tutte le spedizioni di metalli destinate agli Stati Uniti. Trump ha detto che firmerà le nuove misure la prossima settimana e ha promesso che rimarranno in vigore «per un lungo periodo di tempo».

«Le nostre industrie di acciaio e alluminio (e molte altre) sono state decimate per decenni da commerci sfavorevoli e pessime policy con paesi di tutto il mondo. Non possiamo permettere che il nostro paese, le nostre società e i nostri lavoratori siano sfruttati ancora. Vogliamo un commercio libero, giusto e intelligente!», ha scritto Trump su Twitter, annunciando l’introduzione dei dazi. Il New York Times ha scritto che Trump ha detto a più di una decina di dirigenti d’azienda che le tariffe saranno applicate a tutti i paesi, senza distinzioni, perché lasciarne anche fuori solo uno significherebbe alimentare le richieste degli altri di avere uguale trattamento. Governi stranieri, multinazionali e dipartimento della Difesa si sono opposti all’applicazione di misure così ampie, sostenendo che avrebbero potuto danneggiare i rapporti economici e di sicurezza con i partner commerciali.

L’annuncio di Trump è arrivato nonostante l’opposizione delle molte aziende statunitensi che usano i metalli importati nei loro prodotti, come quelle che producono automobili e che confezionano alimenti. Anche diversi funzionari dell’amministrazione avevano messo in guardia Trump che i dazi avrebbero reso le relazioni con alcuni alleati molto tese e che avrebbero potuto provocare ritorsioni di vario tipo (innanzitutto altri dazi contro le merci statunitensi). Dopo l’annuncio, Canada e Unione Europea hanno reagito in maniera negativa. Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione europea, ha detto che i nuovi dazi potrebbero mettere a rischio migliaia di posti di lavoro in Europa. In Canada, paese principale fornitore di acciaio e alluminio degli Stati Uniti, il ministro del Commercio François-Philippe Champagne ha detto che i dazi sono «inaccettabili». Altre reazioni negative sono arrivate da Messico e Brasile.

I dazi annunciati da Trump hanno come obiettivo soprattutto le importazioni provenienti dalla Cina, paese che produce più della metà dell’acciaio mondiale. La Cina non ha ancora adottato alcuna contromisura ufficiale, ma tutto lascia pensare che lo farà presto, come ritorsione contro le ultime misure commerciali degli Stati Uniti.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.