• blog
  • giovedì 1 marzo 2018

La pubblicità, fatta bene

L'idea per la promozione di "The Post" ha avuto ottimi risultati e apprezzamenti: si può fare buona qualità con tutto e anche con la pubblicità

I risultati della creativa promozione del film The Post sulla homepage del Post sono stati ottimi sotto tutti i profili. Il progetto era stato ideato da Websystem, la concessionaria pubblicitaria del Post, intuendo le opportunità dell’assonanza tra il titolo del film – relativo al Washington Post e a una storica vicenda che lo riguardò negli anni Settanta – e la testata del giornale online italiano fondato otto anni fa. Un lavoro che ha poi coinvolto concessionaria, redazione e inserzionista ha permesso di creare una speciale homepage del Post in cui la testata era sostituita da quella usata per la promozione del film, e le notizie si riferivano alla storia dei “Pentagon Papers” raccontata nel film e ad altri eventi collocati negli stessi giorni del 1971.

Il tipo di comunicazione – che integrava la promozione del film con contenuti giornalistici e un progetto grafico – è stato eccezionalmente apprezzato dai lettori, che potevano poi accedere alla corrente homepage del Post con un clic. I commenti sono stati quasi del tutto positivi, con una piccola quota di lettori spiazzati ma incuriositi e trattenuti sulla anomala homepage.

Il progetto è stato presentato nella sua selezione delle migliori “creatività” da Adform, una delle maggiori società di tecnologia per la pubblicità online, che lo aveva creato, presentandolo come un modello di successo non solo per la bellezza del formato ma anche per l’alto numero di click through (21,5% su Desktop, 20 volte superiore alla media; 2% su Mobile, 3 volte superiore alla media) e l’elevato tasso di engagement (63.53% su Desktop, 38.40% su Mobile) e soprattutto per l’alto numero di interazioni che ha generato con i lettori: che sul Post comprendono una estesa comunità di lettori fedeli ed esigenti, anche sul piano della qualità dei contenuti pubblicitari. Ed è un ottimo incentivo per il Post, per chi lavora con la pubblicità e per gli inserzionisti, che hanno avuto in questa occasione l’intuizione di partecipare a un progetto originale e diverso.

 

Mostra commenti ( )