Fiat Chrysler non produrrà più auto diesel a partire dal 2022, secondo il Financial Times

Il Financial Times ha scritto che dal 2022 la casa automobilistica Fiat Chrysler (FCA) non produrrà più auto con motore diesel, tecnologia in crisi per via dello scandalo legato ai dati truccati sulle emissioni di Volkswagen, delle forti critiche per il suo impatto sull’ambiente e della possibilità che molte città annuncino divieti nei prossimi anni. Non c’è stato ancora un annuncio ufficiale da parte di Fiat Chrysler, ma il Financial Times cita persone informate secondo cui il piano verrà annunciato il primo giugno. FCA possiede i marchi Fiat, Alfa Romeo, Jeep, Ram, Dodge, Chrysler e Maserati, e si aggiungerebbe ad altre importanti case automobilistiche che hanno fatto la stessa scelta: l’anno scorso Toyota aveva detto al Financial Times che probabilmente non avrebbe introdotto un nuovo modello diesel, e Porsche ha già annunciato di avere abbandonato la tecnologia.

(Pugliano/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.