(Sean Kilpatrick/The Canadian Press via AP)
  • Mondo
  • giovedì 22 Febbraio 2018

Le foto di Justin Trudeau e famiglia in India

Che sono più o meno le foto che si fanno tutti durante una vacanza in India, elefanti compresi

(Sean Kilpatrick/The Canadian Press via AP)

Questa settimana il primo ministro canadese Justin Trudeau è in India per la sua prima visita ufficiale al paese, accompagnato da sua moglie Sophie Grégoire e dai loro tre figli. Trudeau incontrerà solo domani il primo ministro indiano Narendra Modi. Nel frattempo lui e la sua famiglia hanno visitato il Taj Mahal, il più famoso monumento indiano, l’Ashram Sabarmati, una delle residenze del Mahatma Gandhi, e la moschea Jama Masjid a New Delhi. Si sono anche fatti fare una fotografia con un elefante, come si fa quando si va in viaggio ufficiale in India.

Sui giornali indiani e canadesi si sta parlando molto di questo viaggio perché apparentemente Trudeau non ha ricevuto l’accoglienza solitamente riservata ai capi di stato e di governo: Narendra Modi non l’ha accolto al suo arrivo come succede di solito e non ha nemmeno scritto un messaggio di benvenuto su Twitter come fatto in occasione di altre visite ufficiali.

I giornali hanno ricondotto questa freddezza alla questione dei separatisti Sikh. In Canada vivono circa 468mila membri della comunità Sikh e alcuni di loro sostengono la causa dei Sikh che chiedono la creazione di uno stato indipendente dall’India, il Khalistan. Lo scorso anno Trudeau ha partecipato a un evento della comunità Sikh a Toronto in cui c’erano bandiere dei separatisti Sikh e cartelloni con la faccia di un loro leader ucciso nel 1984 dall’esercito indiano.