• Mondo
  • martedì 20 febbraio 2018

Decine di persone sono state uccise a Ghouta orientale, in Siria

Dagli attacchi aerei del regime di Bashar al Assad, che sta provando a riconquistare l'ultima enclave ribelle della zona di Damasco

Secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani, organizzazione filo-ribelli con sede a Londra, almeno 77 persone, tra cui 20 bambini, sono state uccise lunedì a Ghouta orientale, nella periferia di Damasco, dai bombardamenti dell’esercito siriano sui quartieri ancora sotto il controllo dei ribelli. Secondo l’Osservatorio, l’esercito siriano starebbe preparando un attacco via terra per riconquistare i quartieri di Ghouta orientale, che dal 2013 sono sotto l’assedio delle forze alleate al regime del presidente siriano Bashar al Assad e dove vivono ancora 400.000 persone. Ghouta orientale è l’ultima enclave ancora controllata dai ribelli nella zona di Damasco. Gli attacchi per riconquistarla da parte delle forze di Assad sono aumentati nelle ultime settimane, così come i bombardamenti sulla popolazione civile.

(HAMZA AL-AJWEH/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.