ANSA/STEFANO PORTA
  • Italia
  • lunedì 19 Febbraio 2018

Lo sciopero dei treni di Trenord di venerdì 23 febbraio

Durerà otto ore, non sono previste fasce orarie di garanzia: gli orari e le altre cose da sapere

ANSA/STEFANO PORTA

Aggiornamento: Lo sciopero previsto per martedì 6 febbraio è stato rimandato.

***

Venerdì 23 febbraio ci sarà uno sciopero dei lavoratori di Trenord, società del trasporto ferroviario regionale in Lombardia. Potrebbero esserci ritardi, variazioni o cancellazioni nella programmazione dei treni, alcuni dei quali molto frequentati dai pendolari in arrivo e in partenza da Milano. Lo sciopero, indetto dal sindacato di categoria Or.S.A. Ferrovie, coinvolgerà i trasporti di Trenord a livello regionale, suburbano, di lunga percorrenza e aeroportuale; potranno astenersi dal lavoro i capitreno, i macchinisti e il personale dell’unità produttiva a lunga percorrenza.

Potrebbero esserci modifiche nella circolazione dei treni di Trenord per un totale di otto ore. Lo sciopero inizierà alle 9 e finirà alle 17: non sono previste fasce orarie di garanzia, che durante le agitazioni più lunghe vanno dalle 6 alle 9 e dalle 18 alle 21. Trenord ha specificato che i treni «in partenza entro le ore 9 e con arrivo a destinazione finale entro le 10» non subiranno modifiche nella circolazione. Per quanto riguarda i collegamenti aeroportuali, Trenord dice:

I collegamenti aeroportuali “Milano Cadorna/Milano Centrale – Malpensa Aeroporto” e “Malpensa Aeroporto – Bellinzona”, in caso di non effettuazione dei treni, potranno essere sostituiti da autobus Point-to-Point [Senza fermate intermedie]. Eventuali ripercussioni sulla circolazione saranno possibili anche dopo la conclusione dello sciopero.

Uno sciopero generale nazionale è invece in programma per l’intera giornata di giovedì 8 marzo, come l’anno scorso in concomitanza con la “festa della donna”. È stato indetto da Usb e interesserà tutte le categorie pubbliche e private, e quindi – tra gli altri settori – anche i trasporti: potranno esserci disagi per chi dovrà viaggiare in treno, in aereo o con i mezzi pubblici.