• Italia
  • giovedì 25 gennaio 2018

Il grave incidente ferroviario fuori Milano

Un treno è deragliato a Seggiano di Pioltello: ci sono decine di feriti e tre morti

Un treno di Trenord proveniente da Cremona e diretto alla stazione di Milano Porta Garibaldi è deragliato questa mattina intorno alle 7 a Seggiano, un quartiere del comune di Pioltello, che si trova a circa 11 chilometri dal centro di Milano, a est della città. Nell’incidente sono morte tre donne e ci sono decine di feriti, cinque dei quali in condizioni gravi. La prefetta di Milano Luciana Lamorgese ha fatto sapere che nessuno di loro è in pericolo di vita. Ad uscire dai binari – “sviare”, come si dice tecnicamente – sono stati tre vagoni al centro del convoglio, che poi hanno continuato la loro corsa fuori dai binari per due chilometri prima di sbattere contro i pali della trazione elettrica.

Le cause dell’incidente non sono ancora state chiarite, ma Rete Ferroviaria Italiana (RFI) ha detto di aver rilevato un cedimento strutturale di una rotaia a circa due chilometri dal luogo dell’incidente. Nel pomeriggio la foto della rotaia danneggiata è circolata molto sui giornali, ma non è ancora possibile stabilire se abbia effettivamente causato l’incidente.

Il Post ha seguito le notizie di questa giornata con un liveblog: qui sotto trovate gli aggiornamenti in ordine cronologico.

12:55 25 Gen 2018

In questa pagina del sito di Trenord è possibile rimanere aggiornati sulle tratte ferroviarie che stanno subendo cancellazioni e ritardi dei treni a causa dell’incidente di questa mattina a Pioltello. Tra le altre, presentano “grave criticità” la linea Bergamo-Pioltello-Milano, Cremona-Treviglio e Verona-Brescia-Treviglio-Milano.

12:42 25 Gen 2018

Il presidente di Ferrovie Nord Andrea Gibelli (a sinistra) stringe la mano del sindaco di Milano Giuseppe Sala sul luogo dell’incidente ferroviario, vicino alla stazione di Pioltello Limito (ANSA / MATTEO BAZZI)

12:39 25 Gen 2018

12:35 25 Gen 2018

Sempre il Corriere – che è molto ben informato sulle ultime notizie – dice che in realtà il treno deragliato era formato da sei vagoni, e non cinque come detto in precedenza. Qui la ricostruzione di quello che sarebbe successo:

Il convoglio era composto da sei vagoni, e sono state le tre vetture centrali ad uscire dai binari, accartocciandosi. Il treno aveva già fatto una decina di fermate e caricato centinaia di pendolari. Partito alle 5.32 da Cremona, sarebbe arrivato a Milano alle 7.24. L’incidente, secondo quanto riferito, è avvenuto alle 6.57. L’allarme è scattato con venti chiamate, arrivate al 112 tra le 6.58 e le 7. La macchina dei soccorsi in azione ha pochi precedenti a Milano: 28 ambulanze, 2 elicotteri (uno da Bologna) e decine di soccorritori.

E per quanto riguarda i feriti portati negli ospedali milanesi, aggiunge:

Poco prima di mezzogiorno l’ospedale San Raffaele aveva in cura un uomo e una donna in codice rosso, ricoverati in chirurgia (l’uomo ha subito l’amputazione di una gamba), altri due uomini in codice giallo e sei pazienti al pronto soccorso. Al San Donato quattro donne, due giovani e due più anziane, con un trauma cranico, uno addominale e fratture. Sul sito hsr.it è indicato il numero dedicato ai familiari che vogliono sapere se un loro parente è ricoverato al San Raffaele: 02.26439000.

12:26 25 Gen 2018

Il Corriere della Sera ha pubblicato la foto del cedimento di circa 20 centimetri di un pezzo di binario a Pioltello. Secondo le prime ricostruzioni, confermate anche da RFI (Rete Ferroviaria Italiana), potrebbe essere stato questo cedimento a causare l’incidente. Il Corriere aggiunge: «Nello stesso punto era avvenuto un altro deragliamento il 23 luglio scorso». La foto si può vedere qui.

12:14 25 Gen 2018

Vicino a Pioltello era già deragliato un treno lo scorso 23 luglio. Il treno aveva appena lasciato la stazione di Pioltello in direzione Bergamo, quando era uscito dai binari a causa di uno scambio difettoso. A bordo del treno c’erano circa 250 passeggeri, nessuno era stato ferito.

12:09 25 Gen 2018

Diversi giornali italiani parlano di quattro persone morte nel deragliamento del treno a Pioltello, citando fonti proprie. Per il momento i morti confermati sono tre, tutte donne.

11:58 25 Gen 2018
C'è un comunicato stampa di Trenord

Il nostro pensiero e il nostro cordoglio vanno innanzitutto alle famiglie delle vittime; esprimiamo la nostra vicinanza ai feriti e a tutte le persone che erano a bordo del treno”. Queste le prime parole dell’amministratore delegato di Trenord, Cinzia Farisè, giunta immediatamente sul luogo dello svio del treno partito da Cremona e diretto a Milano Porta Garibaldi. 

Secondo i primi accertamenti tecnici, il treno 10452 (Cremona 5.32-Milano Porta Garibaldi 7.24) stava transitando regolarmente dalla stazione di Pioltello quando le ultime tre carrozze sono uscite dai binari.

Rete Ferroviaria Italiana, responsabile dell’infrastruttura, sta valutando le ragioni dell’uscita dai binari.  

11:53 25 Gen 2018

Intanto è arrivato sul luogo dell’incidente, a Pioltello, anche il sindaco di Milano Giuseppe Sala.

11:52 25 Gen 2018

Il dirigente del Comune di Milano Cristiano Cozzi, responsabile tra le altre cose della Protezione civile, ha detto a Luca Misculin del Post che i morti in totale sono tre e che due feriti gravi sono ancora in sala operatoria. 

11:47 25 Gen 2018

I vigili del fuoco hanno pubblicato un video aereo girato questa mattina sul posto dell’incidente 

11:43 25 Gen 2018
Ci sono novità sulle possibili cause dell'incidente

Raffale Cattaneo ha anche detto che sembra che l’incidente sia stato causato dal cedimento di una rotaia a una distanza di circa 2 chilometri da dove il treno è completamente uscito dai binari. 

Vincenzo Macello di RFI Lombardia – parlando con i giornalisti sul posto – ha spiegato che la rotaia rotta si trova all’altezza della stazione di Pioltello, ma ha detto che non è stato ancora stabilito con certezza se sia stata quella la causa dell’incidente. Macello ha però aggiunto che la possibilità che almeno un vagone del treno fosse uscito dai binari prima dell’incidente vero e proprio spiegherebbe come mai diversi passeggeri hanno raccontato di aver sentito una forte vibrazione e strani rumori prima del deragliamento.

RFI è Rete Ferroviaria Italiana, la società che gestisce gran parte delle reti ferroviarie in tutta Italia.

11:37 25 Gen 2018

Il presidente del Consiglio regionale della Lombardia Raffaele Cattaneo ha parlato pochi minuti fa con i giornalisti e ha detto che in tutto sono morte tre persone e che cinque persone sono ancora ricoverate in codice rosso. 

11:28 25 Gen 2018

La Croce Rossa della Lombardia ha confermato che tutti i feriti sono stati portati via dal luogo dell’incidente.

11:25 25 Gen 2018

Dopo l’incidente di questa mattina si è tornati a parlare della presunta scarsa sicurezza dei treni in Italia. In realtà i dati suggeriscono che viaggiare in treno in Italia sia piuttosto sicuro. Qui, nel gennaio 2017, avevamo raccolto i dati allora più recenti sulla sicurezza dei treni in Italia e in Europa.

Questo grafico è relativo agli incidenti ferroviari nei paesi dell’Unione Europea nel 2015.

11:16 25 Gen 2018

Il giornalista del Post Luca Misculin – che è sul luogo dell’incidente – dice che ora la situazione si è molto tranquillizzata. Sembra che tutti i feriti siano stati portati via e la polizia sta procedendo con il recupero di zaini, borse e altri oggetti lasciati sul treno dai passeggeri. 

I vigili del fuoco, che questa mattina sono intervenuti per i soccorsi, hanno detto di aver terminato la loro operazione.

11:09 25 Gen 2018
Cos'è Trenord e cos'è Ferrovienord

La distinzione tra Trenord e Ferrovienord sarà importante soprattutto per accertare le responsabilità dell’incidente di oggi. Trenord è la società che gestisce i treni regionali in Lombardia, ma non si occupa della gestione della rete ferroviaria (i binari), che invece sono gestiti in maggioranza da RFI (Rete Ferroviaria Italiana) e solo in piccola parte da Ferrovienord. Il treno coinvolto nell’incidente di ieri era gestito da Trenord, i binari da RFI. Cerchiamo di capire chi è chi.

Trenord è una società che esiste dal 2011 ed è controllata al 50 per cento da Ferrovie dello Stato e al 50 per cento dal Gruppo FNM (che prima gestiva i treni “leNord”).

Ferrovienord, invece, è controllata integralmente dal Gruppo FNM.

Il Gruppo FNM, infine, è una società quotata in borsa la cui maggioranza è in mano a Regione Lombardia, con una quota di minoranza sotto il controllo delle Ferrovie dello Stato.

11:03 25 Gen 2018

Ferrovie dello Stato ha diffuso intanto un messaggio sull’incidente

10:49 25 Gen 2018

Il coordinatore della protezione civile di Pioltello, Claudio Dotti, ha detto che le persone coinvolte nell’incidente ma ferite in modo lieve sono state portate in due palestre a Limito e a Segrate e sono assistite da psicologi e personale medico. Sempre Dotti ha detto che in tutto sono state portate in ospedale 17 persone, mentre le altre sono state curate sul posto.

10:40 25 Gen 2018

La procura di Milano ha aperto un fascicolo di indagine per “disastro ferroviario colposo” e la polizia ferroviaria ha interrogato il macchinista del treno, che è lievemente ferito dopo l’incidente.

10:39 25 Gen 2018

I soccorsi sono ancora in corso, ma non è chiaro se ci siano ancora persone intrappolate nei vagoni del treno. 

10:35 25 Gen 2018
È stata confermata la morte di tre persone

La prefetta di Milano Luciana Lamorgese ha confermato la morte di tre persone nell’incidente di questa mattina. È stato aggiornato anche il numero dei feriti: ci sono 100 feriti lievi – in codice verde – 10 feriti in codice giallo e 5 feriti gravi, in codice rosso.

10:30 25 Gen 2018

Sempre sulla dinamica dell’incidente: quello che si sa è che ad uscire dai viari – “sviare”, come si dice tecnicamente – non è stata la motrice del treno, ma uno dei vagoni del convoglio. Sembra che l’incidente sia avvenuto in corrispondenza di uno scambio e che la motrice e il primo vagone siano passati normalmente, prima che qualcosa andasse storto. Alcuni passeggeri a bordo del treno hanno raccontato ai giornalisti di una “forte vibrazione” avvertita a bordo poco prima dell’incidente, ma per ora non si sa molto di più.

10:26 25 Gen 2018

Per ora è stata confermata ufficialmente la morte di una persona, ma i giornali parlano di tre morti. Ci sono invece decine di feriti, alcuni in condizioni gravi: il Corriere della Sera parla di 10 persone in codice rosso – il livello di gravità più alto assegnato in pronto soccorso – venti in codice giallo e 80 in codice verde.

I feriti sono stati portati in diversi ospedali della zona, il San Raffaele, l’Humanitas, il Policlinico di Milano e al San Gerardo di Monza.

10:26 25 Gen 2018

L’interno del treno deragliato, mentre i Vigili del Fuoco soccorrono una persona
(Vigili del Fuoco via AP)

10:22 25 Gen 2018

Il treno deragliato era partito alle 5.32 di questa mattina da Cremona: a bordo viaggiavano per lo più lavoratori pendolari e studenti che ogni giorno raggiungono Milano da altre città della Lombardia.

10:20 25 Gen 2018

Per il momento si stanno facendo diverse ipotesi su cosa possa aver causato l’incidente. A deragliare non è stata la motrice del treno, ma uno dei cinque vagoni che formavano il convoglio. Trenord, la società che opera i treni regionali in Lombardia, ha detto in un comunicato di non avere ancora informazioni precise, ma il questore di Milano Marcello Cardona ha parlato di un possibile cedimento strutturale di un vagone.

10:15 25 Gen 2018
Cosa è successo

Un treno di Trenord proveniente da Cremona e diretto alla stazione di Milano Porta Garibaldi è deragliato questa mattina intorno alle 7 a Seggiano di Pioltello, poco fuori Milano. Nell’incidente è morta almeno una persona – la notizia è stata confermata dai vigili del fuoco, ma i giornali parlano di almeno tre morti – e ci sono decine di feriti, alcuni in condizioni gravi. Il Corriere della Sera parla di 10 persone in codice rosso – il livello di gravità più alto assegnato in pronto soccorso – e venti in codice giallo. I soccorsi sono ancora in corso e ci sono ancora persone nei vagoni deragliati: sul posto ci sono i vigili del fuoco, decine di ambulanze e mezzi della polizia e dei carabinieri.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.