• Mondo
  • martedì 23 gennaio 2018

Come volare da Chicago a Londra senza biglietto e documenti

La storia di Marilyn Hartman, che da anni supera i controlli di sicurezza e s'intrufola sui voli dagli aeroporti degli Stati Uniti

(via Associated Press)

Marilyn Hartman ha 66 anni, vive a Grayslake, Illinois (Stati Uniti), ed è abilissima nel superare i severi controlli di sicurezza aeroportuali statunitensi e a intrufolarsi sugli aerei, pur non avendo il biglietto né i documenti necessari. La scorsa settimana, per esempio, Hartman ha superato i controlli del Chicago O’Hare International Airport, è salita di nascosto su un volo di British Airways e diverse ore dopo è atterrata a Londra, dove è stata infine fermata dalla polizia e rispedita negli Stati Uniti. È riuscita a farlo eludendo tutti i passaggi di controllo in aeroporto, come aveva già fatto più di una decina di volte in passato.

Stando alle ricostruzioni della polizia di Chicago, Hartman è arrivata in aeroporto lo scorso 14 gennaio senza una carta d’imbarco o un documento valido per l’espatrio. Per entrare nell’area dei controlli di sicurezza con i varchi metal detector ha semplicemente nascosto parte del viso con i capelli, passando tra due agenti della Transportation Security Administration (TSA), l’agenzia responsabile della sicurezza dei trasporti. Di solito gli agenti della TSA verificano che il passeggero abbia un documento valido e il biglietto aereo, prima di consentire l’accesso all’area vera e propria dei controlli. Hartman è passata insieme ad altre persone riuscendo a non farsi notare.

Superati i controlli ai varchi, dove è raro che venga nuovamente chiesta la carta d’imbarco, Hartman ha provato a imbarcarsi su un volo per il Connecticut in partenza verso le 14. Al gate è stata però fermata da un agente che l’ha invitata a tornare al suo posto, forse spiegandole che non aveva il biglietto per quel volo. Hartman ha trascorso la notte in aeroporto, e il mattino successivo si è avvicinata a una navetta per il trasporto verso le partenze internazionali. Anche in questo caso è riuscita a salire sul mezzo, nonostante l’ingresso sia riservato a chi ha una carta d’imbarco per i voli internazionali.

In seguito Hartman è riuscita a passare attraverso un gate che stava effettuando l’imbarco per un volo di British Airways verso Londra. È quindi riuscita a mischiarsi ad altri passeggeri superando un primo controllo dei biglietti e la seconda verifica che viene effettuata direttamente a bordo, di solito per aiutare i passeggeri a identificare il loro posto. Ore dopo Hartman è atterrata a Heathrow, dove è stata infine fermata perché non aveva i documenti necessari per superare i controlli di frontiera del Regno Unito.

Rimpatriata negli Stati Uniti, Hartman è stata fermata dalla polizia con diverse accuse per avere oltrepassato i confini senza averne titolo. Sabato scorso i giudici hanno disposto il suo rilascio a patto che riceva aiuto psichiatrico, che stia alla larga dall’aeroporto e che indossi una cavigliera elettronica che ne tracci la posizione, in attesa di chiudere il suo caso giudiziario. Hartman è stata però trattenuta presso la prigione di Cook County, perché a quanto pare non ha una dimora in cui stare nella zona in cui è stata disposta la sua sorveglianza con la cavigliera elettronica.

Come spiega il New York Times, non è la prima volta che Hartman fa qualcosa del genere. Solo presso l’aeroporto di Chicago era già stata denunciata quattro volte per avere provato a sconfinare. Nel 2016 il suo avvocato aveva spiegato ai giudici che Hartman ha problemi mentali e che la detenzione non sarebbe stata la soluzione più adatta per offrirle aiuto e trattare il suo problema.

Alcune ricostruzioni dicono che Hartman abbia eluso i controlli aeroportuali una decina di volte, altre che siano state almeno 18. Nel 2014 salì su un aeroplano a San Jose (California) senza biglietto, atterrando poi a Los Angeles. Nel 2015 s’imbarcò senza documenti e biglietto in Minnesota volando fino in Florida.

Nonostante le promesse di non farlo più, nel febbraio del 2016 provò di nuovo a salire senza documenti su un aereo all’aeroporto di Chicago, ma fu fermata in tempo dagli agenti. I giudici la condannarono a sei mesi di trattamento in un centro per persone con malattie mentali, ritenendo che il problema di Hartman fosse più serio e ormai patologico.

Hartman non ha comunque mai costituito un pericolo per sé e per gli altri, ma il fatto che sia riuscita in più occasioni a eludere i controlli e a intrufolarsi sugli aerei pone qualche domanda sull’efficacia delle attività di sicurezza, soprattutto nell’aeroporto di Chicago che è uno dei più trafficati d’America. La TSA ha avviato una propria indagine per verificare che cosa sia andato storto.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.