• Mondo
  • Questo articolo ha più di quattro anni

Il primo ministro britannico Theresa May farà un rimpasto di governo che riguarderà un quarto dei ministri

Il primo ministro britannico Theresa May ha deciso di rimuovere o di cambiare di posto a un quarto dei suoi ministri in quello che sarà il più grande rimpasto di governo da quando è diventata primo ministro nell’estate del 2016. I nomi dei nuovi ministri saranno annunciati martedì, ma secondo i giornali britannici a essere coinvolti saranno soprattutto ministeri considerati di secondo piano, come quello dell’Educazione. Non saranno toccati invece i quattro incarichi principali, detenuti da importanti leader del partito conservatore con i quali May non vuole scontrarsi: il ministro dell’Economia, Philip Hammond, il ministro dell’Interno Amber Rudd, il ministro degli Esteri Boris Johnson e infine il segretario alla Brexit, David Davis.

Il governo May si è molto indebolito dopo le elezioni anticipate dello scorso giugno, convocate dalla stessa May, che sperava di vincerle con facilità. Il Partito Laburista invece era riuscito a compiere un’inaspettata rimonta. I Conservatori hanno quindi perso la maggioranza e oggi il governo May è appeso al sostegno di un piccolo gruppo di parlamentari nazionalisti dell’Irlanda del Nord. La debolezza di May e del suo governo si è riflettuta sui negoziati di Brexit, che procedono a rilento, e ha portato ad accuse al primo ministro anche dall’interno del Partito Conservatore. L’attuale rimpasto, scrivono i giornali britannici, è probabilmente una mossa con cui May vuole dimostrare di avere ancora presa sul governo e sul partito.

(AP Photo/Petros Karadjias, Pool)