A fine anno WhatsApp interrompe il supporto per BlackBerry e Windows Phone

WhatsApp ha annunciato che dall’inizio del 2018 la sua applicazione non sarà più supportata sui sistemi operativi di BlackBerry e su Windows Phone di Microsoft. La decisione è stata comunicata a pochi giorni dalla fine del 2017 e ha sorpreso diversi utenti, che non avranno molto tempo per cambiare i loro dispositivi se vogliono continuare a utilizzare il sistema di messaggistica. La decisione è stata assunta da WhatsApp per concentrarsi sui sistemi operativi più recenti e diffusi, abbandonando quelli ormai datati o con pochi utenti. In realtà già alla fine dello scorso anno WhatsApp aveva annunciato l’interruzione del supporto per diversi modelli di Nokia e BlackBerry, compreso il sistema BB10, che però aveva continuato poi a funzionare.

Nell’annuncio WhatsApp spiega che su questi modelli “non sarà più possibile creare un nuovo account WhatsApp, né riverificare un account esistente”:

• BlackBerry OS e BlackBerry 10 a partire dall’1 gennaio 2018;
• Windows Phone 8.0 e precedenti a partire dall’1 gennaio 2018;
• Nokia S40 dall’1 gennaio 2019;
• Android versioni 2.3.7 e precedenti dal 2 febbraio 2020.

La fine del supporto non implica che dal prossimo primo gennaio l’applicazione smetta di funzionare, ma che WhatsApp non pubblicherà più aggiornamenti per loro e potrebbe via via ridurre le funzionalità o alcune potrebbero smettere di funzionare.

I proprietari di BlackBerry dovranno quindi passare a un modello più recente, che utilizzi Android. I proprietari di Windows Phone 10 non dovrebbero avere particolari problemi e riceveranno ancora aggiornamenti, ma è probabile che in futuro il supporto sia interrotto anche per loro, considerato che Microsoft non fornisce più sviluppi per quel sistema operativo.

(AP Photo)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.