• Mondo
  • mercoledì 27 dicembre 2017

Il Brasile ha dichiarato persona non grata un importante diplomatico venezuelano

Il Brasile ha dichiarato persona non grata l’importante diplomatico venezuelano Gerardo Delgado, in risposta alla decisione del Venezuela di qualche giorno fa di espellere l’ambasciatore brasiliano a Caracas, Ruy Pereira. Per spiegare l’espulsione di Pereira, il governo venezuelano aveva detto che il Brasile aveva agito al di fuori della legge durante la procedura di impeachment contro Dilma Rousseff, ex presidente brasiliana di sinistra.

I rapporti tra i due paesi sono tesi da diverso tempo e sono peggiorati da quando il presidente del Brasile è diventato Michel Temer, di destra, che ha preso il posto di Rousseff: il presidente venezuelano Nicolás Maduro aveva descritto l’impeachment di Rousseff come «un colpo di stato di destra». Intanto Delcy Rodriguez, capo dell’Assemblea Costituente del Venezuela, l’organo imposto da Maduro che di fatto ha sostituito il Parlamento eletto, ha detto che le relazioni diplomatiche con il Brasile non saranno ripristinate fino a che il governo non «stabilisca di nuovo l’ordine costituzionale che ha rotto».

L'ambasciatore brasiliano in Venezuela, Ruy Pereira (sinistra), insieme al presidente del Parlamento venezuelano, Julio Borges (AP Photo/Ariana Cubillos)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.