• virgolette
  • Questo articolo ha più di cinque anni

«Quando lui faceva bombardare il Kosovo, io ero nei campi profughi del Kosovo»

Lo ha detto Giuliano Pisapia di Massimo D'Alema, che aveva tirato in ballo la "coscienza" dell'ex sindaco di Milano

Giuliano Pisapia, ex sindaco di Milano e ora leader di Campo Progressista, è stato intervistato da Bianca Berlinguer durante la puntata di ieri del programma di Rai Tre #cartabianca e ha risposto molto duramente a Massimo D’Alema, che aveva tirato in ballo la sua coscienza sulla questione delle alleanze elettorali. Pisapia è da settimane al centro delle trattative tra i molti partiti e movimenti di sinistra per formare un’alleanza in vista delle prossime elezioni e Berlinguer gli ha chiesto come fossero andate le trattative con MDP, il partito di Pier Luigi Bersani e Massimo D’Alema, che sembra aver escluso di volersi alleare con il Partito Democratico, come invece auspicava Pisapia e come sembrava possibile qualche mese fa.

Berlinguer, in particolare, ha chiesto a Pisapia di commentare una frase di D’Alema, che durante la puntata di ieri di Otto e Mezzo, su La7, lo aveva accusato di aver cambiato lui stesso idea sull’alleanza con il Partito Democratico, dicendo che avrebbe dovuto risponderne alla sua coscienza (intorno al 12esimo minuto della puntata). D’Alema aveva detto:

Io ho sentito Pisapia – come tutti noi – dire in piazza che per ricostruire il centrosinistra occorre una forte discontinuità di contenuti e di leadership e dire che lui si sarebbe alleato con il PD solo a condizione che il PD accettasse le primarie di coalizione. Se poi Pisapia farà tutto il contrario con quello che ha detto è un problema che dovrà risolvere con la sua coscienza, non con me.

Pubblicità

Pisapia, a #cartabianca, ha risposto (nel video, dopo 1 ora e 46 minuti):

Lui dovrebbe rispondere alla coscienza degli italiani, quando lui faceva bombardare il Kosovo io ero nei campi profughi del Kosovo. Quindi, riferisco che sulla coscienza D’Alema non dia insegnamenti a nessuno e tantomeno a me.

Pisapia ha fatto riferimento a quando nel 1999 D’Alema, allora presidente del Consiglio, diede l’autorizzazione all’uso dello spazio aereo italiano per le missioni della NATO contro la Serbia di Slobodan Milosevic, che stava conducendo una violenta campagna militare contro le milizie e i civili del Kosovo, una regione serba abitata da una maggioranza di lingua albanese. L’Italia mise a disposizione basi e aerei militari. Dopo circa un mese e mezzo di bombardamenti, la Serbia fu costretta a ritirare le sue truppe e a riconoscere l’indipendenza di fatto del Kosovo.