L'ingresso del Pronto Soccorso dell'Ospedale Ostetrico Ginecologico Sant'Anna di Torino, il 14 novembre 2017 (LaPresse - Nicolò Campo) 14/11/2017 Torino ( Italia )
  • Italia
  • sabato 25 novembre 2017

Una bambina di 11 anni è rimasta incinta dopo ripetuti stupri a Torino

Un amico 35enne della famiglia, dal quale la bambina era spesso ospite, è stato arrestato

L'ingresso del Pronto Soccorso dell'Ospedale Ostetrico Ginecologico Sant'Anna di Torino, il 14 novembre 2017 (LaPresse - Nicolò Campo) 14/11/2017 Torino ( Italia )

A Torino un uomo di 35 anni è stato arrestato con l’accusa di aver stuprato più volte una bambina di 11, la figlia dei suoi vicini di casa che ora è incinta di 21 settimane. Secondo quanto scrivono La Stampa e la pagina locale di Repubblica, sia l’uomo che la bambina e la sua famiglia sono nigeriani e vivono nel quartiere Barriera di Milano, nella periferia nord della città.

Rai News dice che la bambina ha due sorelle, di 4 e 7 anni, e un fratello di 13, che come lei venivano portate con regolarità dai genitori nella casa dove viveva l’uomo arrestato, che era la stessa degli zii dei bambini. Spesso i bambini passavano la notte nella casa: il padre delle bambine è operaio, e fa spesso il turno di notte; la madre lavora invece come addetta alle pulizie nei supermercati, e per questo inizia a lavorare molto presto al mattino.

Gli abusi sessuali sulla bambina sono stati scoperti perché la madre della bambina aveva notato che la pancia della figlia si stava ingrossando: lo scorso 17 novembre l’ha portata all’Ospedale Ostetrico Ginecologico Sant’Anna, dove i medici hanno scoperto che la bambina è incinta. L’uomo arrestato ora si trova nel carcere Lorusso e Cutugno (più noto come carcere Le Vallette).

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.